/ Sanità

Sanità | 11 febbraio 2019, 10:33

Farmaci da banco: come sceglierli in sicurezza

Una guida per orientarsi a cura della Società di Mutuo Soccorso Fab

Farmaci da banco: come sceglierli in sicurezza

Secondo i dati del Censis, sono ben 46 milioni gli italiani che si curano con i farmaci da banco, i medicinali senza obbligo di ricetta utili in caso di raffreddore, mal di testa, nausea o per tutti quei disturbi transitori che possiamo incontrare nella vita di tutti i giorni. Disponibili anche online, vanno comunque assunti con le dovute cautele. Ecco, dunque, una piccola guida per fare chiarezza, redatta dalla Società di Mutuo Soccorso Fab - Fondo Assistenza e Benessere.

Cosa sono i farmaci da banco?

I farmaci da banco sono medicinali che possono essere venduti senza l’obbligo di ricetta. I cosiddetti Otc (acronimo di over the counter, ovvero “sopra il banco”) e Sop (sigla che sta per farmaci senza obbligo di prescrizione), sono impiegati per il trattamento di disturbi passeggeri e di lieve entità. I primi possono essere esposti liberamente su bancone e scaffali, mentre i secondi vengono dispensati dal farmacista. Entrambi presentano un bollino con la dicitura “Farmaco senza obbligo di ricetta”. A differenza degli altri medicinali, quelli da banco sono gli unici che possono essere pubblicizzati in televisione perché non causano dipendenza e devono essere in commercio da almeno cinque anni così da garantirne efficacia e sicurezza per i pazienti che li utilizzano in regime di automedicazione.

Per cosa possono essere utilizzati?

I farmaci più richiesti sono quelli che contrastano i sintomi dell’influenza, alleviando il mal di gola o la febbre. Molto ricercati sono anche gli antinfiammatori, come quelli a base di acido acetilsalicitico, ibuprofene o nimesulide che vengono utilizzati contro cefalee, mal di denti, mal di schiena e dolori mestruali. Rientrano tra i farmaci da banco anche i colliri, i ricostituenti e tutti gli integratori multivitaminici.

Come abbassare la febbre

Hai la fronte calda, gli occhi lucidi e la tipica sensazione di “ossa rotte”? Fino ai 38° C evita di assumere farmaci da banco per abbassare la febbre perché il rialzo della temperatura ha una sua funzione: rendere meno efficienti virus e germi e stimolare la produzione di interferone, un antinfettivo naturale. Se la temperatura va oltre, ha un brusco aumento o avverti i brividi, affidati a un antipiretico a base di paracetamolo. Per i dolori ossei e muscolari puoi orientarti sugli antinfiammatori a base di ibuprofene o acetilsalicilico.

In caso di mal di gola

Se si tratta solo di un’irritazione è sufficiente un antisettico orale a base disostanze come diclorobenzil alcool e amilmetacresolo, meglio se in pastiglia. Quando la gola è infiammata e fai fatica a deglutire, può essere utile uno spray antinfiammatorio a base di flurbiprofene.

Per la diarrea

In caso di dissenteria, la prima cosa da fare è reintegrare i liquidi e i sali minerali persi. Ricorri alle soluzioni reidratanti da sciogliere in acqua e aiuta l’organismo a ripristinare la flora intestinale assumendo fermenti lattici ad alta concentrazione di probiotici.

Contro gli occhi arrossati

Polveri, smog, agenti irritanti e tante ore davanti allo schermo del pc mettono a dura prova gli occhi. Dona loro un po’ di sollievo con un collirio decongestionante non medicato. In alternativa, parlane con il tuo farmacista e aiutati con le lacrime artificiali.

Il rimedio per contusioni e distorsioni

Subito dopo la botta applica del ghiaccio sulla parte lesa per calmare il dolore e ridurre il gonfiore. Quindi, spalma un gel antinfiammatorio a base di artiglio del diavolo o arnica e pratica un leggero massaggio.

Redazione

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium