/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 13 marzo 2019, 16:50

“Il Paesaggio e la Costituzione”, il paesaggio come bene comune e le normative. Lucilla Conte presenta il suo studio

L'appuntamento all'Università di Asti Giovedì 21 marzo 2019 alle 18

Lucilla Conte

Lucilla Conte

Giovedì 21 marzo 2019,  alle 18 al Polo Universitario Rita Levi-Montalcini di Asti, Piazzale De André, verrà presentato il saggio della dottoressa Lucilla Conte dell’Università del Piemonte Orientale, “Il Paesaggio e la Costituzione” (Editoriale Scientifica, 2018), a cura del Centro Studi per lo Sviluppo Rurale della Collina (Università di Torino), dell’Università del Piemonte Orientale e del Comitato per la Costituzione “Emilio Giribaldi” con ANPI, Associazione Davide Lajolo, Club per l’Unesco di Asti, Ethica, Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato e l’Astigiano, Osservatorio per la Sostenibilità dell’Astigiano, Distretto Paleontologico dell’Astigiano e del Monferrato.

Dopo i saluti introduttivi del Presidente di Astiss Mario Sacco e del Sindaco Maurizio Rasero, Marco Devecchi, presidente Centro Studi per lo sviluppo rurale della collina, Università di Torino, Enrico Ercole, presidente Club per l’UNESCO di Asti, Università del Piemonte Orientale e Laurana Lajolo, Comitato per la Costituzione “Emilio Giribaldi” – ne discutono con l’autrice. Coordina i lavori Paolo Monticone, presidente provinciale ANPI.

Lucilla Conte, nel suo studio, ha condotto un’indagine dal punto di vista costituzionale della nozione di paesaggio come bene materiale e immateriale, partendo dall’art. 9 della Costituzione e analizzando le normative sul tema in vigore, italiane e europee, nel corso degli anni, giungendo al concetto giuridico di paesaggio. Il paesaggio offre definizioni complesse, a cui afferiscono diverse discipline, perché è elemento identitario delle persone e del territorio urbano e rurale, della società e della cultura. La legislazione vigente indica i compiti di pianificazione e di tutela dello Stato e delle Regioni, ma nel contesto sociale è essenziale anche il coinvolgimento attivo della comunità, che dimostra una più attenta sensibilità che nel passato. Conte dimostra come i valori culturali del paesaggio si traducano in criteri e obiettivi giuridici.

 

Comunicato stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium