/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 03 aprile 2019, 07:06

"Su scuole, lavoro, turismo, trasporto, i disabili non sono supportati"

Lo sfogo della Federazione tra le associazioni nazionali disabili, sottolinea alcune criticità piemontesi e astigiane

"Su scuole, lavoro, turismo, trasporto, i disabili non sono supportati"

Riceviamo e pubblichiamo dalla FAND (Federazione associazioni nazionali disabili) di Asti

Dieci anni fa, il 3 marzo 2009, con la legge numero 18 veniva ratificata la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, promulgata a New York il 13 dicembre 2006.

Scopo della Convenzione, previsto dall' Art.1 della stessa è “promuovere, proteggere e garantire il pieno ed uguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, e promuovere il rispetto per la loro intrinseca dignità”.

Essa riconosce la dignità e il valore connaturati a tutti i membri della famiglia umana ed i diritti uguali ed inalienabili come fondamento di libertà, giustizia e pace nel mondo. La ricorrenza del 3 marzo è passata sotto silenzio, forse perché è troppo ingombrante confrontarsi con principi così alti e troppo spesso disattesi per grave indifferenza ed incuria?

LEGGI DORMIENTI

Eppure la produzione legislativa non manca. La recente Legge regionale n° 3 del febbraio scorso sulla promozione delle Politiche a favore delle persone con disabilità “contiene nuovi principi – sottolinea Adriano Capitolo, presidente provinciale della Fand -Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilita - ma è vuota di contenuti e non mette soldi. Non fa altro che richiamare leggi nazionali e sovranazionali che la Regione stessa ha sempre ignorato. Dovrebbe essere ben più incisiva”.

Che dire della legge n° 41 del lontano 1986 sull'adozione da parte di Comuni e Province dei P.E.B.A (Piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche), e dei P.A.U (Piani per l’ accessibilita’ urbana), introdotti dalla legge 104 nel 1992?

Molti Comuni sono inadempienti – precisa Capitolo – La Regione ha il compito di vigilare e in caso di mancata adozione dei piani entro 1 anno dall’emanazione della legge, nominare un commissario. Non ci risulta che abbia preso provvedimenti in tal senso. Sarebbe opportuno incrementare incentivi e punteggi nei bandi pubblici a favore di coloro che si impegnano a realizzare opere prive di barriere, ricordando per altro che già esistono precise disposizioni di legge che impongono di costruire in modo da garantire a tutti l'accessibilità”.

Sempre l’articolo 32 della succitata legge, vieta l’erogazione di contributi e agevolazioni da parte dello stato o di enti pubblici per progetti che non osservano le norme in materia. Con questa realtà fatta di provvedimenti quasi sempre disattesi, si scontrano quotidianamente anche i 5.000 disabili dell'Astigiano: il numero è riferito alle persone percettive di assistenza, ma se si sommano anche i cittadini con disabilità lievi, la cifra si triplica. Può essere ignorata una frangia così numerosa di persone?

L'ISTAT E L'ESEMPIO DELLE SCUOLE

Secondo la recente indagine Istat riferita alle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2017/2018 risulta che in Piemonte è accessibile il 35,7% delle scuole con riferimento alle barriere fisiche ed il 23% delle scuole con riferimento alle barriere senso percettive. Non accessibile il 50,2% delle scuole causa barriere fisiche ed il 62,9% delle scuole causa barriere senso percettive.

Numeri che la FAND considera non attendibili. Non ci risulta che il 23% delle scuole Piemontesi sia privo di barriere senso percettive. Nell’astigiano, l’unica ad essere realmente accessibile a tutte le disabilità è l’istituto Andriano di Castelnuovo Don Bosco.Purtroppo l'Istituto Nazionale di statistica non è in grado di fornire i dati disaggregati per singola provincia e per singolo Comune, impedendo di fatto una completa comprensione del fenomeno a livello locale con conseguenti gravi ricadute in termini di dispendio di risorse, anche finanziarie, ma non solo, che non contribuisce a perseguire le necessarie finalità di trasparenza e di pubblica conoscibilità della situazione delle singole strutture scolastiche e che non è in grado, di incidere sulle concrete obbligatorie politiche pubbliche di eliminazione delle barriere nei medesimi Istituti scolastici, ai fini della piena fruibilità degli stessi dall' utenza con disabilità.

SUL LAVORO SIAMO UN PESO

La Fand pone l'accento anche sul collocamento mirato: nell'Astigiano, come altrove, le liste d'attesa sono affollate. Non e solo il privato a non assumere, negli ultimi anni anche il pubblico è restio nell’assolvere agli obblighi.

TURISMO, CULTURA, COMUNICAZIONE, MA NON PER TUTTI

Asti aspira a diventare una realtà sempre più turistica, “ma l'accesso a 360 gradi alla cultura è fortemente limitato a tutte le categorie di disabili”, come spiega il presidente di Fand. “Forse solo la cripta di Sant'Anastasio è attrezzata in tal senso – aggiunge – In generale mancano mappe visivo-tattili, targhe in Braille, in large printe oltre a percorsi tattili, descrizioni audiovisive e con il linguaggio dei segni “LIS” per le persone sorde. Non vi sono taxi attrezzati per il trasporto dei disabili, limitando in tal modo la possibilità di spostarsi per visitare la città e le tante bellezze del nostro territorio anche ai disabili motori provenienti da fuori Asti.

Il problema della fruizione della cultura si estende inoltre agli spettacoli teatrali e a quelli cinematografici, praticamente preclusi a chi soffre di disabilità visiva e uditiva, poiché non sono messi a disposizione quegli ausili per le audiodescrizioni e sottotitolazione e con LIS forniti dalla moderna tecnologia”.

Non meno problematico si rivela l'accesso alle moderne forme di comunicazione: “Molti siti internet e i sistemi di comunicazione digitale sono inaccessibili, in disprezzo della legge – spiega il presidente di Fand - Un malcostume molto diffuso soprattutto nella Pubblica Amministrazione, anche con la pubblicazione sul web e l’invio tramite e-mail di contenuti inaccessibili poichè creati sottoforma di immagine, spesso scannerizzando il documento originale, rendendolo non fruibile tramite “screen-reader”i lettori di schermo. Ricordo in proposito la legge n° 4 del 2004 che prevede Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. Lo stesso dicasi per le applicazioni per smartphone che sarebbero di grande aiuto al disabile per il superamento delle difficoltà a cui va incontro ogni giorno, ma che di fatto risultano anch'essi inaccessibili come, per altro, i servizi offerti on line”.

IL TRASPORTO PUBBLICO E L'ACCESSIBILITA': UNA LOTTA QUOTIDIANA

Quello del trasporto pubblico, soprattutto extraurbano, resta uno dei problemi di grande attualità che si fa più acuto durante i mesi estivi con la riduzione di orari e la sospensione, per un certo periodo, del servizio. Si registrano criticità sia sui bus, sia nelle infrastrutture (fermate, Movicentro per esempio) che in molti casi, ricorda Adriano Capitolo, non rispondono neppure ai più elementari requisiti di sicurezza. Le stazioni ferroviarie, a parte Asti, non sono fruibili autonomamente e non vi sono servizi a supporto dei disabili. “Negli esercizi commerciali – aggiunge Capitolo – le normative in materia di accessibilità non sono rispettate, non solo per la presenza di barriere architettoniche, ma perchè non ci sono forme di comunicazione aumentativa alternativa per chi ha una disabilità intellettiva come ad esempio l’autismo, con Braille e sistemi tecnologici NFC/QR code leggibili tramite smartphone. La discriminazione dell'utente disabile si estende anche alle filiali delle banche, dove l'autonomia delle persone con disabilità è fortemente limitata, così come l'utilizzo degli sportelli automatici sia per la loro collocazione che per la mancanza di guide per ciechi od ipovedenti”.

La Fand è inoltre critica verso la drastica riduzione dell'orario di apertura al pubblico degli sportelli, operata dalla Cassa di risparmio di Asti. Abbiamo tante leggi che, se applicate, renderebbero meno sofferta e piu inclusiva la vita alle persone con disabilità. Purtroppo non è così! sebbene in calce ad ogni legge sia riportata testualmente: la presente frase “DATA A TUTTI DA RISPETTARE E FAR RISPETTARE”, sempre meno la rispettano e l’onere di far rispettare le leggi è lasciato al disabile, proprio quel disabile che per la sua fragilità il legislatore ha ritenuto di dover tutelare.

Conclude il presidente: “Una situazione che non è più accettabile. Ci rivolgiamo anche alla sensibilità di chi esercita la professione legale, chiedendo di supportare la FAND nel combattere una battaglia di civiltà, per il rispetto dei diritti e della dignità di questa parte di cittadini”.

La Fand con sede ad Asti in via Quintino Sella 41, riunisce le Associazioni alle quali la Regione Piemonte, con la L.R. 37 del 2000, ha affidato i compiti di rappresentanza di tutte le categorie di disabili. Associazione nazionale mutilati e invalidi civili (ANMIC), Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro (ANMIL), Ente nazionale sordi (ENS), Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (UICI), Unione nazionale mutilati per servizio (UNMS), Associazione nazionale guida legislazione handicap e trasporti (ANGLAT), Associazione ricerca, prevenzione e protezione autismo (ARPA).

Comunicato stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium