/ Scuola e lavoro

Scuola e lavoro | 14 maggio 2019, 13:34

Anche B.E.S.T. Asti tra le scuole vincitrici del concorso “Adotta un giusto”

Al bando, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, hanno risposto studenti e insegnanti di 300 istituti di tutta Italia, inviando oltre 1.000 elaborati

Anche B.E.S.T. Asti tra le scuole vincitrici del concorso “Adotta un giusto”

Lunedì 13 maggio, presso il teatro PIME di Milano, c’era anche la B.E.S.T. Asti tra le scuole vincitrici del concorso “Adotta un giusto” arrivato alla sua quarta edizione e proposto da Gariwo_la foresta dei Giusti, in collaborazione con il MIUR. Al bando, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, hanno risposto studenti e insegnanti di 300 istituti di tutta Italia, inviando oltre 1.000 elaborati di vario tipo (testi letterari, video, racconti a fumetti, fotografie).

La classe II A della BEST ha deciso di “adottare” e di ringraziare, con un videoclip, la rapper afgana Sonita Alizadeh per aver denunciato, a rischio della vita, la pratica barbara delle spose bambine. Il tutto è partito dallo studio della Carta dei Diritti del Fanciullo, siglata dall’ONU nel 1959; in seguito i bambini hanno ragionato, dietro la guida delle insegnanti Rita Risso e Colleen Elwell, sull’importanza dei momenti di gioco e di studio e sul diritto di tutti i bambini a crescere in un ambiente sereno e protetto.

La giuria ha premiato l’elaborato perché “il video riesce a trasferire in un linguaggio musicale accattivante i principi contenuti ed espressi nella Carta dei Diritti del Fanciullo rimanendo fedele alla cifra stilistica della rapper Sonita Alizadeh.”

“A meno di due anni dalla nascita della scuola – spiega la dirigente Valeria Condorelli – , con una classe di soli 10 bambini, ricevere questo riconoscimento ci riempie di orgoglio e ci fa pensare che stiamo andando nella giusta direzione. La scuola primaria italiana è tra le migliori, in Europa. Le linee guida dettate dal MIUR sono tanto belle quanto impegnative e le numerose iniziative come quella di Gariwo, proposte a livello nazionale, rendono il programma ricco e stimolante. E noi ci mettiamo in gioco, sempre”.

“Il video è stato realizzato grazie alla professionalità e alla disponibilità di uno dei nostri genitori e anche questo, per noi, è motivo di orgoglio: teniamo infatti moltissimo a quella collaborazione scuola/famiglia che, nel rispetto dei reciproci ruoli, può fare la differenza in tema di buon andamento della classe e serenità dei bambini”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium