/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 15 maggio 2019, 11:37

Continuano a Montiglio le riprese di "Qui non si muore". Il sindaco Tasso:"“Una vetrina importante per il rilancio del territorio”.

Entusiasmo anche del regista Roberto Gasparro:"Comune fantastico, grande sintonia"

Alcuni attori con il sindaco Dimitri Tasso

Alcuni attori con il sindaco Dimitri Tasso

 

Sino al prossimo 25 maggio il borgo senza tempo di Montiglio Monferrato, nato nel 1998 dalla fusione con i colli divini di Colcavagno e Scandeluzza, prosegue la propria vocazione fattiva a set del nuovo film, dal titolo ‘Qui non si muore’ di Roberto Gasparro, giovane regista che, per l’occasione, ha radunato attorno a sé un cast vincente di firme di ieri, di oggi e di sempre del miglior cinema italiano, con un occhio attento anche alle nuove proposte di talenti.

“Una vetrina importante - ha raccontato il sindaco del paese Dimitri Tasso - che ben si sposa con la vocazione di richiamo internazionale insita in Montiglio Monferrato, e che intendiamo nel tempo rilanciare e sostenere: l’opera di Roberto Gasparro ha colorato paese e frazioni di umanità, partecipazione ed entusiasmo. Ovunque tutt’intorno si respirano gioia e soddisfazione. Gliene siamo vivamente grati”.

Montiglio è un paese meraviglioso, gli abitanti sono fantastici, noi stiamo tutti benissimo e mangiamo tantissimo. Quindi, prevedo di ingrassare molto prima di far rientro a Torino: sarà forse anche per questo che qui mi definiscono spesso un’artista di peso e di spessore?”, scherza soddisfatta Margherita Fumero, nel film madre del sindaco che riporterà la vita a Montiglio Monferrato. E prosegue: “Un’esperienza arricchente: letti copione e trama, ho detto subito sì, perché insegnano che cos’è l’amore, anche attraverso la rinascita di un borgo sul fil rouge del valore assoluto della libertà in cui ciascuno può realizzarsi secondo il proprio sentire, dove si rispettano le idee degli altri. Un grande insegnamento a tutti, specialmente in questi controversi, litigiosi tempi moderni”.

Alessandro Gamba, alla prima prova da protagonista in video spetta la parte del figlio della Fumero, quale primo cittadino omossessuale grazie al cui operato torneranno le fatidiche nuove nascite nel borgo monferrino.

Alle volte la vita e il caso sorprendono: non sono assolutamente del mestiere, ma mi sono dato subito disponibile a prendere la palla al balzo per quest’avventura piovutami addosso dal Cielo come un dono provvidenziale. L’attualità del tema è stata la molla decisiva perché accettassi subito e di buon grado: il mio modo di contribuire attivamente all’incontro armonico tra generazioni differenti, tutte partecipi della sfida più giusta, ovvero il prosieguo della vita in un luogo che profuma di storia”, interviene Franco Barbero, storico e affermato attore comico piemontese: “Interpreto uno degli anziani del Paese. L’opera racchiude in sé un bellissimo messaggio: occorre aprirsi al nuovo cogliendo di esso e da esso tutto il meglio che può apportare, evitando però di farsi fagocitare completamente da esso. E’ l’equilibrio che fa la differenza”.

Entusiasmo pieno anche per il nome di punta del cast, il Premio David di Donatello Tony Sperandeo: “Se è vero che noi siciliani siamo famosi per le calorose accoglienze, qui ci hanno superato con una gentilezza da applausi. Siamo trattati da star, eppure siamo soltanto operai del cinema. Ringrazio il Sindaco, la Giunta, la gente e i Professionisti tutti che ci hanno coadiuvato. Sono conosciutissimo per i film di mafia, però questa è la quarta volta che indosso i panni di un prete”.

Per poi concludere: “Mi piace Roberto Gasparro, è carico di entusiasmo e dirige tutto benissimo: avrei dovuto fare la parte di un ministro burbero e cattivo, invece l’ho convinto a farmi vestire i panni di Don Gaetano. E poiché sono un prete discolo, la curia mi ha messo al 41 Bis, battuta che cito anche nel film: quindi, alla fine, tutto torna!”.

Anche il valente Giorgio Serra che nella finzione cinematografica è  Piero, uno dei quattro vecchietti discoli che sperano di rilanciare questo paese confida:"Con la viva speranza che questi sogni si avverino, colpendo la sensibilità di tutti e di chi di dovere anche nella realtà quotidiana”.

Nel cast anche la brava Barbara Bacci che, come lei stessa ammette, si è “Già innamorata del posto e dell’atmosfera monferrina, che permea tutto di energia speciale, particolare, e tutto questo mi piace tantissimo. Su questo set è magia pura l’incontro fra generazioni diverse unite sotto il segno di questa pellicola che è di per sé un inno alla vita, sintesi virtuosa dell’appuntamento, al crocevia del destino, di mondi, storie e componenti differenti ma complementari. C’è una connessione naturale, ho molto da imparare dai più anziani del cast. Roberto Gasparro è un ottimo collante fra tutti, ha le idee chiare ma lascia anche ampio spazio in scena al meglio di ciascuno di noi, stimolandoci continuamente”.

Conclude il regista: “Sono loro a darmi la carica, hanno una vis artistica genuina e instancabile. Persone cordiali a telecamere spente tutti, perfette macchine da guerra mentre giriamo. Al momento tutto molto positivo, dal ciak all’interazione con la gente e il territorio. Grazie di cuore al sindaco Dimitri Tasso, vera anima di questo Paese, amatissimo e stimatissimo da tutti i suoi concittadini. Proseguiamo ancor più decisi e convinti sulla strada felicemente intrapresa”.


Comunicato stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium