/ Cultura

Che tempo fa

Cerca nel web

Cultura | 14 giugno 2019, 12:29

Piemonte noir, Piemonte rosso, Piemonte arcobaleno: tre autrici raccontano la nostra regione

Interessante appuntamento culturale, presso il “Circolo dei Lettori” di Torino, con Francesca Gerbi, Luigina Lorenzi Zago e Linda Pines in dialogo con la giornalista Daniela Peira

Piemonte noir, Piemonte rosso, Piemonte arcobaleno: tre autrici raccontano la nostra regione

Un interessante appuntamento culturale, in programma giovedì 20 giugno alle 18 presso il “Circolo dei Lettori” di Torino (via Bogino 9), vedrà protagoniste tre autrici che, in altrettanti libri editi da Buendia Books, hanno raccontato il “loro” Piemonte.

In “E’ stato Baudelaire”, la giornalista sandamianese Francesca Gerbi racconta, con il supporto delle illustrazioni di Haider Bucar, la “provincia Granda” che fa da sfondo alle vicissitudini umane e professionali del maresciallo Antonio Rodda, burbero, single incallito, tanto abile nelle indagini quanto poco incline a elargire informazioni alla stampa, e di Fulvia Grimaldi, giornalista caparbia e intraprendente. I due sono stati segnati da una comune tragedia: il brutale assassinio della quattordicenne Marina nel 1992, migliore amica di Fulvia e unica macchia nella carriera di Rodda.

“Le due vigne” di Luigina Lorenzi Zago narra invece – con il patrocinio della Città di San Damiano d’Asti, le illustrazioni dei giovani vincitori del Concorso “Barber Art” e, in appendice, una piccola guida dedicata alle Strade del Vino – le vicende di due fratelli i cui destini si intrecciano come i tralci di un nobile vitigno. Gioachino, impetuoso e amante della terra, viene diseredato dal padre, potente e ricco viticoltore del Monferrato di inizio secolo. Alfredo vorrebbe diventare medico, invece dovrà prendere il suo posto come erede dei possedimenti di famiglia, non osando ribellarsi al volere paterno.

Mentre con “L’unica” l’astigiana Linda Pines ha ripercorso la propria vita con parole intrise a volte da dolore, altre di gioia, che diventano testimoni del fatto che l’omosessualità non è una scelta, come non lo è il colore della pelle. Metafore che raccontano di un viaggio interiore personale, fatto per vivere nella realtà con coerenza e serenità; pagine riempite dalla paura del “diverso” e dalla difficoltà d’accettarsi per come si è.

Nell’ambito dell’incontro, le tre autrici dialogheranno con la giornalista Daniela Peira, affermata “firma” del bisettimanale astigiano “La Nuova Provincia”.

Redazione

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium