/ Cronaca

Cronaca | 15 novembre 2019, 14:17

Tragedia in un’abitazione di Fontanile, 80enne rinvenuta cadavere nel letto (AGGIORNAMENTO)

Oltre alla donna trovati morti anche due cani. Probabile causa della morte una sigaretta dimenticata accesa

Tragedia in un’abitazione di Fontanile, 80enne rinvenuta cadavere nel letto (AGGIORNAMENTO)

AGGIORNAMENTO DELLE 17.30
Aveva 80 anni G.E., l'anziana trovata morta nel letto della sua abitazione questa mattina a Fontanile. Dai primi riscontri delle indagini, affidate alla Procura di Alessandria, parrebbe che la donna e i due cani che si trovavano con lei nella stanza siano morti in seguito al malfunzionamento di una stufetta che avrebbe esalato del monossido di carbonio.

La donna, inoltre, presentava alcuni segni di bruciatura sul corpo poiché quando il gas ha saturato l'aria nella stanza lei si trovava nel letto con una sigaretta. Il mozzicone ha provocato alcune bruciature e provocato un piccolo incendio del materasso ma fortunatamente le fiamme non si sono estese al resto dell'abitazione.

La tragica scoperta da parte del marito questa mattina. I due, infatti, dormivano in camere separate. Attualmente l'uomo è ancora in osservazione in ospedale, dove è giunto in stato confusionale.

 

Intorno alle 9.30 di questa mattina è giunta al centralino dei carabinieri la concitata telefonata di un anziano che, in evidente stato di confusione, ha chiesto loro tra le lacrime di intervenire perché sua moglie era “bruciata nel letto”.

Giunti sul posto, un appartamento sito in via Mignone, i vigili del fuoco e i carabinieri della Stazione di Quaranti-Mombaruzzo hanno purtroppo trovato conferma della segnalazione: la donna, presumibilmente allettata da qualche tempo, era effettivamente deceduta e presentava segni di bruciatura sul corpo.

Oltre alla donna, i militari e i vigili del fuoco hanno rinvenuto anche due cani, anch’essi morti. Dettaglio che fa presupporre, anche se per averne certezza sarà necessario attendere la conclusione delle indagini avviate dai carabinieri, all’origine della tragedia posso esservi stata una fuga di monossido di carbonio sprigionatosi in seguito a una non meglio definita combustione.

Il marito della vittima, unico sopravvissuto a questa tragedia, è stato affidato alle cure del personale del 118 che, appurato l’evidente stato di confusione in cui versava, ne ha disposto il trasferimento in ospedale per gli accertamenti del caso.

Gabriele Massaro, Elisabetta Testa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium