/ Cronaca

Cronaca | 28 novembre 2019, 07:22

Crollo del muraglione a Moncalvo. È durato fino alle due l'intervento dei vigili del fuoco per la messa in sicurezza dell'area

Intervenuti anche i cani molecolari per il timore ci fossero persone sotto le macerie

Crollo del muraglione a Moncalvo. È durato fino alle due l'intervento dei vigili del fuoco per la messa in sicurezza dell'area

 È durato fino alle due di notte l'intervento dei vigili del fuoco a Moncalvo per mettere in sicurezza l'area dopo il crollo di una significativa porzione del muro di corso XX Aprile.

Sono intervenuti anche i cani molecolari per il timore che potesse esserci qualche persona coinvolta. Le causa sarebbero da attribuire alle forti piogge dei giorni scorsi.

Il muro aveva già avuto un cedimento importante a giugno. Sul posto anche i carabinieri.

Tre famiglie sono state evacuate. I proprietari dell'orto che si trova nei pressi del crollo hanno trovato riparo presso alcuni parenti, altre due famiglie che abitano al piano terreno del condominio di fronte sono state alloggiate in un bed&breakfast.

La strada è completamente chiusa dal tunnel e ci sono evidenti criticità per la viabilità, per raggiungere il centro è necessario quindi usufruire del tunnel. Interdetta anche l'area soprastante l'oratorio e si sta valutando con i vigili del fuoco quale porzione chiudere.

"È stato un evento imprevedibile - spiega il sindaco Christian Orecchia - solo martedì i nostri consulenti si erano recati sul posto per visitare il sito del primo crollo e non avevano rilevato movimenti. Ci aspettavamo eventualmente potesse staccarsi un altro pezzo del camminamento interessato dal primo crollo, invece si è praticamente mossa tutta la parete, portandosi via anche tutti i lavori di consolidamento fatti negli anni 90. Chiedo a tutti i cittadini di restare unita e compatta nella difficoltà, sopportando i disagi nella viabilità. E vorrei ringraziare vigili del fuoco, carabinieri, Provincia e Regione per il loro lavoro indispensabile".

Betty Martinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium