/ Economia

Economia | 12 dicembre 2019, 10:48

382° Fiera del Bue Grasso di Moncalvo: Gianfranco Lisa di Valfenera vince nuovamente il Premio Speciale di Confagricoltura Asti. Premiate anche due aziende associate

La rassegna zootecnica aleramica ha riservato anche quest’anno numerose sorprese e una sorprendente quantità di visitatori

Gianfranco Lisa, allevatore di Valfenera (al centro), con il premio speciale messo in palio da Confagricoltura Asti

Gianfranco Lisa, allevatore di Valfenera (al centro), con il premio speciale messo in palio da Confagricoltura Asti

Dopo l’edizione del 2016, Gianfranco Lisa, allevatore di Valfenera, si aggiudica anche quest’anno il premio speciale di Confagricoltura Asti per il “Miglior bue allevato in provincia di Asti”, durante la Fiera del Bue Grasso di Moncalvo, giunta quest’anno alla 382° edizione. Un premio che da alcuni anni ormai rappresenta una certezza all'interno della kermesse moncalvese, istituito dall'organizzazione agricola astigiana proprio per esaltare la qualità dei capi allevati nel nostro territorio.
 come sempre molto affezionati a questa storica manifestazione che da secoli riesce a ricreare una magica simbiosi tra la piazza, cuore pulsante della comunità e del commercio, e i buoi, simbolo del lavoro e della vocazione contadina di questa realtà.
Confagricoltura Asti si rivela anche quest’anno grande protagonista della fiera, ben rappresentata da due aziende zootecniche associate che si sono aggiudicate premi in due diverse categorie: si tratta di Angelo Nicola di Moransengo che ha vinto il 3° premio per la categoria “Buoi grassi con tendenza alla coscia” e Cati Gavello di San Paolo Solbrito che ha conquistato il 1° Premio per “Il bue più pesante”, esponendo un gigante da 1340 kg.
L’allevamento di bovini da carne è un settore fondamentale per tutto il territorio piemontese; la qualità e la salubrità delle nostre carni ne conferma l’importanza”, ha affermato Mariagrazia Baravalle, direttore di Confagricoltura Asti. “La Fiera del Bue Grasso di Moncalvo rappresenta un ottimo esempio di rispetto e mantenimento delle tradizioni. Da questo presupposto è necessario lavorare tutti insieme per una maggiore valorizzazione di questo comparto, coniugando la tradizione con gli aspetti innovativi che lo renderebbero più competitivo”.
Questo settore deve essere sempre tutelato e difeso – ha concluso il direttore di Confagricoltura Asti - con l’auspicio che il prezzo delle carni sia sempre remunerativo per i nostri allevatori. Ci auguriamo che la carne italiana (in particolar modo quella piemontese, ndr) abbia all'interno della grande distribuzione uno spazio riservato per evidenziarne le sue indubbie qualità”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium