/ Sport

Sport | 25 luglio 2020, 04:42

Ferrari: un Mondiale strano

Il Mondiale 2020 sarà ricordato da tutti per l’emergenza sanitaria che lo ha fermato, sarà quello dell’anno bisestile più funesto del nuovo secolo e sarà anche quello in cui la Ferrari non riesce a posizionarsi nella Top 3

Ferrari: un Mondiale strano

Il Mondiale 2020 sarà ricordato da tutti per l’emergenza sanitaria che lo ha fermato, sarà quello dell’anno bisestile più funesto del nuovo secolo e sarà anche quello in cui la Ferrari non riesce a posizionarsi nella Top 3. I motivi non sono noti di certo: qualcuno dice ci siano dietro azioni di spionaggio industriale capaci di rendere meno competitive le monoposto della Scuderia di Maranello che tutti sanno essere le migliori.

Gli appassionati di scommesse online in questi ultimi giorni hanno cercato novità ovunque senza trovare troppo se non notizie confuse. Uno dei pezzi più belli apparsi in rete a tema Ferrari è indubbiamente l’intervista a Luca Baldisserri fatta dallo staff del Blog L’Insider.

Maranello: chi viene e chi va in Ferrari

Dopo sei anni a Maranello Sebastian Vettel se ne va e senza nemmeno vincere l’ultimo Mondiale, sono stati però questi anni, momenti di crescita per il pilota tedesco che deve dare un addio anche abbastanza brusco alla Scuderia Rossa ma ovviamente non tutte le decisioni possono essere accreditate a lui. Il team Ferrari ha deciso così: non si torna indietro.

Se Vettel conferma la previsione del saluto alla mitica Rossa la stessa cosa non si può dire di Binotto che invece resta nello stesso ruolo di sempre stessa cosa per gli altri tecnici che, a dispetto di ogni nefasta previsione cambiano persino ruolo in meglio. Nasce l’area ingegneristica chiamata Performance Development, affidata alla responsabilità di Enrico Cardile che lavorerà insieme a David Sanchez. Alla già nota Power Unit restano Enrico GUaltieri affiancato dallo storico Simone Resta, confermate le collaborazioni di Rory Byrn. Insomma un team che vuole vincere a tutti i costi nel 2021.

Ferrari: cosa cambia davvero

L’ultimo periodo intorno a Maranello tanti, forse troppi, gossip. Si è letto e scritto davvero di tutto attorno alla casa automobilistica più nota d’Europa e chissà poi se tutto ciò che abbiamo letto corrisponde al vero. Intanto è chiaro che da questo Mondiale disastroso esce vincente l’ingegnere Binotto è lui che, con quello sguardo sbarazzino e quell’aria da maghetto è riuscito a cambiare tutto mandando in pensione il Modello Marchionne. Una vera rivoluzione silenziosa! L’organizzazione il vero motore di ogni scuderia ed adesso? La Ferrari è pronta a vincere i Mondiali 2021?

Questa volta a Maranello si punta davvero su innovazione e novità ed infatti proprio come ha sempre sostenuto Binotto servono forze nuove ed allora ecco che per chi ama questo genere di settore spuntano interessanti proposte di ingaggio proprio nel cuore della Scuderia. Figure da selezionare poliedriche e preparate: alcuni stage poi diventeranno veri e proprio contratti di lavoro.

  • Senior Project Functional Safety Engineer

  • Electrical & Electronics Supplier Quality Engineer

  • Buyer

  • Component Design Engineer

  • Manufacturing Engineer

  • Engine Development Engineer

  • Facilities Design Expert

  • Network Development Manager negli Usa, precisamente nel New Jersey.

Molti di questi giovani talenti hanno un futuro nel Mondiale 2021:ovviamente solo se sapranno guadagnarsi il rispetto ed in particolare la fiducia di uomini come Binotto e non solo capaci comunque di superare qualsiasi crisi da Mondiale.


Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium