/ Politica

Politica | 10 ottobre 2020, 10:07

Ad Asti il Consiglio comunale ancora orfano del suo presidente

Ennesima fumata nera, dopo le dimissioni di Giovanni Boccia del 24 settembre

immagine tratta dal profilo FB di Mario Malandrone (consigliere di minoranza di Ambiente Asti)

immagine tratta dal profilo FB di Mario Malandrone (consigliere di minoranza di Ambiente Asti)

Dopo settimane in cui  la minoranza in Consiglio comunale chiedeva a gran voce di poter riunire il Consiglio in presenza, con le dovute precauzioni, ieri sera si è consumata un’altra seduta che doveva eleggere il presidente, dopo le dimissioni di Giovanni Boccia del 24 settembre.

11 consiglieri in presenza, con la presidenza di Angela Quaglia, ma ben presto appare evidente che la piattaforma Eligo forse non è così funzionale ad un voto, in quanto molti consiglieri non erano ben identificabili.

Ma non è l’unico problema. A mezzanotte si scopre che nella maggioranza qualcuno non ha le credenziali, qualcuno, anche nella minoranza, non ricorda la password, altri non trovano la mail di convocazione che forse è finita in spam.
E alla fine manca il numero legale.

Il Consiglio comunale di Asti resta così ancora orfano del suo presidente.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium