/ Politica

Politica | 10 ottobre 2020, 12:35

Asti, minoranze all'attacco: "Sindaco e maggioranza, incapaci di eleggere il Presidente del Consiglio, si rifiutano di discutere della Jona"

Viene denunciato il flop del voto online per la mancata elezione del Presidente del Consiglio Comunale

Asti, minoranze all'attacco: "Sindaco e maggioranza, incapaci di eleggere il Presidente del Consiglio, si rifiutano di discutere della Jona"

A nome di tutti i Gruppi di Minoranza del Consiglio Comunale, Massimo Cerutti ha inviato una nota molto dura nei confronti della Giunta e del sindaco di Asti Maurizio Rasero: "Ieri sera, durante la seduta di Consiglio Comunale, la Minoranza in modo compatto ed unito ha posto all' Amministrazione Comunale e al sindaco le questioni e le preoccupazioni dei genitori della Jona".

"Lo ha fatto anche presentando un ordine del giorno al fine di poter visionare insieme a tutte le forze politiche al sindaco e ai rappresentanti dei genitori  quelle  problematiche che giustamente vengono segnalate dai genitori della scuola Jona che chiedono a codesta Amministrazione di risolvere in modo veloce ed adeguato. L'amministrazione pero' ha scelto di votare e discutere rimandando la pratica a fine consiglio comunale, un finale amaro pero' perchè non si è riusciti ad esprimere per problemi tecnici un presidente del consiglio, a discutere le pratiche successive perchè mancava nuovamente il numero legale per colpa della maggioranza e di conseguenza nemmeno a votare un ordine del giorno che poteva in qualche modo essere di supporto a queste problematiche".

"Purtroppo un altra occasione persa da parte di codesta Amministrazione per venire incontro alle richieste di questi cittadini giustamente  preoccupati. Restano solo le parole urlate malamente dal Sindaco che alla Jona è tutto a posto, non ci sono problemi…".

Poi, sulla questione della mancata elezione del Presidente del Consiglio comunale, le minoranze rincarano la dose: "Abbiamo avuto prove e controprove della grave carenza dei consigli online. Il Consiglio Comunale precedente si era chiuso con una pregiudiziale sul voto online e l'abbandono della maggioranza per non discuterla. La minoranza in Consiglio ha posto diverse mozioni d'ordine in merito al rispetto del regolamento del Consiglio in via telematica e posto la pregiudiziale sul voto del Presidente del Consiglio Comunale online".

"Ciò che diciamo da tempo sull'idea di democrazia telematica all'epoca del Covid che ha il Sindaco Rasero, non è solo più un'opinione ma la realtà ed è ormai provata dai fatti. La minoranza ha chiesto a più riprese ieri sera la non possibilità  negli ultimi mesi di svolgere un Consiglio che rispetti il regolamento del Consiglio stesso. Davvero l'ennesima occasione sprecata anche questa sera da parte dell'Amministrazione Comunale".

"Sono mesi che il regolamento del Consiglio non viene rispettato, neppure il regolamento del consiglio in via telematica, viene rispettato in quanto in tale regolamento è chiaro che deve essere ben identificabile (attraverso la cam) il  consigliere presente eppure per tutto il Consiglio, nonostante i richiami della minoranza sono pochissimi i Consiglieri di maggioranza che si attengono a tale regolamento".

"Quando a mezzanotte si scopre che i consiglieri di maggioranza non riescono a votare. Non arrivano pare credenziali, c'é chi ha cellulare scarico, chi non ricorda la password, chi forse non trova la mail nello spam, chi forse proprio non ha ben chiaro il meccanismo, spuntano Sindaco e futuro presidente del Consiglio e dichiarano impossibilie il voto online. Israt, cittadinanza alla Segre e ordine del giorno sulla sicurezza alla Jona, passano in secondo piano rispetto al flop che noi avevamo annunciato da tempo. E in barba all'accordo di proseguire, rimanca grazie alla maggioranza il numero legale".

"Fine di un consiglio in cui la minoranza annunciava la non ammissibilita del voto online, i limiti e la non correttezza, che denunciava la necessità di consigli in presenza... Forse nei prossimi giorni si cercherà di istruire al voto i consiglieri di maggioranza. Intanto il Consiglio é orfano e ha toccato il punto più basso nella democrazia dalla storia del Comune di Asti. Come per l'apprendista stregone di Walt Disney, gli stessi strumenti messi in moto dal Sindaco sono diventati ingovernabili e gli si ritorcono contro".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium