/ Attualità

Attualità | 13 ottobre 2020, 07:36

Covid 19, trenta nuovi contagi e un decesso nella giornata di ieri. Peggiora la situazione nell'Astigiano

Diversi i contagi nelle scuole. A Castello d'Annone i positivi sono riconducibili ad un centro di accoglienza, 11 nuovi positivi anche a Canelli. Oggi aperto l'hotspot per le scuole, a Buttigliera il sindaco comunica un incremento

Covid 19, trenta nuovi contagi e un decesso nella giornata di ieri. Peggiora la situazione nell'Astigiano

Trenta nuovi contagi e un decesso.

Sono i dati Covid di ieri pomeriggio, un aumento di contagi che ormai si registra da giorni, mentre Asti era ferma a 256 decessi da mesi.

Ieri è stato registrato il decesso di un uomo di 84 anni che era ricoverato in Malattie Infettive al Cardinal Massaia, i ricoverati in Terapia Intensiva restano una decina.

Se il sindaco di Asti, Maurizio Rasero sostiene che “il 70% dei nuovi positivi è il risultato di contatti in famiglia e tra amici”, dichiarando di tenere quasi sempre la mascherina in casa per proteggere i suoi genitori, le scuole registrano diversi problemi.

Le scuole e i contagi

Alla scuola media Martiri, alle tre classi chiuse dopo il rientro di un’insegnante positiva rientrata da una gita con gli Alpini (ma dopo gli accertamenti i ragazzi sono tornati tra i banchi) da ieri è chiusa un’altra prima. Chiusa anche una prima alla Brofferio, mentre alla scuola elementare Dante dopo una seconda e una quarta, è chiusa anche una quinta. Una classe chiusa anche alla Jona e sembrerebbe chiusa anche la materna Consolata dopo l’accertamento di un caso.

A Castelnuovo Don Bosco, da venerdì  è chiuso l’asilo nido “La Coccinella allegra” dopo che un’insegnante è risultata positiva al coronavirus., A Piovà Massaia invece è chiusa per accertamenti, la scuola dell’infanzia “Polledro”, ancora chiusa la scuola a Montafia.

Aumentati i contagi in diversi paesi

Mentre domenica a Castello di Annone, sono stati segnalati 24 nuovi contagi, riconducibili ad un centro di accoglienza per richiedenti asilo, a Canelli, ieri il sindaco, Paolo Lanzavecchia, ha reso nota la positività di ben 11 concittadini, mentre a San Damiano 5 soggetti sono in quarantena domiciliare. Anche il sindaco di Buttigliera, Guido Fausone ha voluto rendere nota la situazione del suo paese: 4 persone sono positive e 9 in isolamento fiduciario, “non sono presenti casi positivi nella casa di riposo – spiega - Periodicamente vengono fatti i tamponi per cui la situazione è costantemente monitorata”.

Da oggi funziona l'hotspot di viale Pilone per le scuole

Dalle 10.30 in viale Pilone ad Asti è attivo il nuovo hotspot dedicato alle scuole per il servizio tamponi per sospetti casi positivi al Covid-19.

Le scuole di Asti avranno così un percorso loro riservato in Viale Pilone 105 – spiega il Commissario Asl AT, Giovanni Messori Iolimentre nella postazione già attiva presso l’ospedale Cardinal Massaia continueremo a garantire i tamponi previsti dal nostro Servizio di igiene e sanità pubblica (Sisp) e per i rientri dall’estero”.

L’hotspot sarà aperto dal lunedì al venerdì, dalle 10.30 alle 15, e il sabato dalle 10 alle 12. La domenica, solo per casi urgenti, si potrà comunque far riferimento alla postazione dell’ospedale cittadino (ingresso da via Pertini, dalle 10 alle 12).

Anche in viale Pilone, come al Massaia, la modalità sarà quella dell’accesso in auto (“drive-in”), seguendo il percorso indicato a partire dall’ingresso e restando in auto in attesa del proprio turno.

Studenti e personale scolastico potranno recarsi a fare il tampone una volta consultato il proprio pediatra o medico di famiglia, che provvederanno a caricare sul portale regionale dedicato al Covid-19 i dati dei soggetti cui verrà eseguito il test.

Oltre che nel capoluogo, sono attive sul territorio astigiano altre due postazioni: Casa della salute di Canelli (da lunedì a venerdì, dalle 12 alle 13.30) e Casa della salute di Villafranca d’Asti (da lunedì a venerdì, dalle 12.30 alle 14), che assicurano l'accesso a scuole, prenotati Sisp e cittadini di rientro dall'estero.

Domenica scorsa annullate alcune messe

Le celebrazioni religiose in programma domenica nelle parrocchie di cui è responsabile don Felice Sanguineti sono state sospese poiché il sacerdote, che domenica sera aveva iniziato ad avvertire mal di gola e qualche linea di febbre, è risultato positivo al tampone Covid-19.

 

Il parroco, don Claudio Montanaro, e le altre persone che sono state a più stretto contatto con don Felice nei giorni antecedenti si trovano in isolamento fiduciario, a loro volta in attesa di venir sottoposte a tampone.

Si tratta delle parrocchie di Incisa Scapaccino, Castelnuovo Belbo e Bruno.

Betty Martinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium