Cronaca | 14 gennaio 2022, 12:20

Sequestrati dalla Guardia di Finanza di Asti 114.000 giocattoli non a norma

Si tratta di palloncini in lattice, per un controvalore di circa 60.000 euro, privi delle informazioni di sicurezza

Giocattoli sequestrati dalla Guardia di Finanza di Asti

Due immagini (la seconda a fine articolo) relativa i sequestri effettuati

Nel corso di attività di controllo economico del territorio, i finanzieri del Comando provinciale di Asti hanno eseguito numerosi interventi in esercizi commerciali della provincia, ponendo sotto sequestro 114.000 palloncini in lattice per un controvalore di circa 60.000 euro.

Il provvedimento è stato adottato poiché i prodotti sequestrati sono risultati privi delle prescritte “avvertenze” e informazioni di sicurezza previste dal DL 54/2011, elementi necessari a consentire agli utenti finali un'esatta valutazione degli eventuali effetti dannosi. In particolare, alcuni giocattoli possono risultare pericolosi per i bambini di età inferiore a quella suggerita senza la presenza di un adulto, sussistendo il rischio di soffocamento.

Nel corso dell’attività sono stati anche rinvenuti dei prodotti elettrici irregolari (lampadari di tipo a plafoniera) privi dei requisiti prescritti dal “codice del consumo” e pertanto anch’essi sequestrati.

I titolari di cinque attività commerciali presso cui sono stati rinvenuti i prodotti non a norma sono stati segnalati alla Camera di Commercio per l’avvio del procedimento di irrogazione delle sanzioni amministrative, che possono arrivare sino a 10.000 euro.

Redazione

Leggi tutte le notizie di VIVIAMO IN UN POSTO BELLISSIMO ›

Viviamo in un posto bellissimo

Davide Palazzetti

Chi sono in tre righe? Ci si prova.
Partiamo dal personale: marito innamorato e padre fortunato. Tergiversando poi su info tipiche da curriculum, amo il nostro territorio. Lo vivo come nostro anche se vi arrivo da Genova nel 2003. Mi occupo di marketing territoriale e promozione turistica con la piacevole consapevolezza di quanta bellezza ci circondi. Racconto un posto bellissimo, qui e su alcuni miei gruppi Facebook, nella certezza che una delle poche vie di riscatto dell’Astigiano sia riempirlo di turisti.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium