Green - 11 febbraio 2020, 19:29

Il Rione Santa Caterina si aggiudica i XXIII Giochi Giovanili della Bandiera."Un sogno che si realizza". Asti batte Volterra

L'associazione Protect Our Home renderà l'evento green. In regalo ai partecipanti una borraccia in alluminio. Coinvolte piazza San Secondo e piazza Libertà

MerfePhoto

MerfePhoto

Uno degli eventi clou del 2020 che coinvolgerà la città e ha già più di 700 prenotazioni per i pernottamenti.

È stato ufficializzata questa sera in una conferenza stampa: Asti è stata scelta per ospitare i Giochi giovanili della Bandiera delle FISB Federazione Italiana Sbandieratori con 77,72 punti contro i 72,73 degli Sbandieratori e Balestrieri di Volterra.

L'organizzazione è a capo del Rione Santa Caterina che porterà ad Asti i XXIII Giochi il 26-27 e 28 giugno.

LE PIAZZE

Due le piazze scelte per la manifestazione: piazza San Secondo e piazza Libertà che nei prossimi giorni verranno visitate per un sopralluogo da rappresentanti della FISB.

UN EVENTO GREEN E PLASTIC FREE

L'organizzazione di Santa Caterina avrà la collaborazione di diversi assessorati comunali: Sport, Cultura, Manifestazioni, Ambiente, Istruzione affinchè il coinvolgimento della città sia globale. Sarà un evento green grazie alla sinergia con l'associazione Protect our Home.

"Un sogno che si concretizza" per il sindaco Maurizio Rasero, "Un'intuizione felice che si è concretizzata grazie anche alla caparbietà della rettrice Nicoletta Sozio".

Ed è la stessa Sozio a spiegare che "Saranno coinvolti alberghi non solo astigiani ma anche di Torino e Alessandria, non abbiamo ancora il numero dei partecipanti, ma da sabato, quando si è saputo che i Giochi si sarebbero fatti ad Asti, abbiamo già 701 prenotazioni".

UNA GRANDE CERIMONIA DI APERTURA

Venerdì 26 giugno ci sarà la grande cerimonia di apertura con una sfilata e Protect Our Home regalerà una borraccia con tutti i loghi dei partner. "Sono nel mondo del Palio da 35 anni e sono una temeraria" - spiega ancora Sozio che sostiene che forse doveva essere maggiormente coinvolto il Collegio Rettori.

E poi la proposta all'assessore alla Cultura Imerito:"Perché non regalare ai partecipanti anche una card per visitare i musei?".

Betty Martinelli

Ti potrebbero interessare anche:

SU