Attualità - 07 aprile 2020, 12:09

Oggi ricorre la Giornata Mondiale della Salute. Un 7 aprile 2020 che ricorderemo per sempre

Mattarella:"Tanti lutti e sofferenze hanno reso ancor più evidente il valore della salute, componente essenziale del diritto alla vita, presidio da preservare e rafforzare nella solidarietà tra i popoli"

Oggi ricorre la Giornata Mondiale della Salute. Un 7 aprile 2020 che ricorderemo per sempre


Assume un significato particolare, forte e di impatto emotivo assoluto la Giornata Mondiale della Salute che ricorre proprio oggi, 7 aprile.

Un 7 aprile 2020 che ricorderemo per sempre, che segnala quanto la salute sia il perno di tutte le azioni che compiamo (compivamo) ogni giorno nelle nostre quotidianità.

IL COVID-19 HA STRAVOLTO LE NOSTRE AZIONI

Quotidianità completamente stravolte dal Covid-19 che ha messo a dura prova il sistema sanitario.

Se lo scopo della ricorrenza è quello di sensibilizzare la comunità internazionale sull’importanza del libero ed equo accesso, per tutti, a cure sanitarie di qualità, non ci dobbiamo dimenticare che gli operatori sanitari hanno un compito centrale: fornire indicazioni agli amministratori per individuare ciò di cui le persone hanno bisogno in merito all’assistenza sanitaria.

E che alcuni amministratori, nei decenni, forse hanno derogato il bene comune a interessi economici personali, tagliando senza pietà fondi necessari alla salute.

Oggi ce ne accorgiamo, ricordando i miliardi sottratti, ad esempio, ai letti di terapia intensiva.

LA RIFLESSIONE DI MATTARELLA

Scrive oggi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella:"Tanti lutti e sofferenze hanno reso ancor più evidente il valore della salute, componente essenziale del diritto alla vita, presidio da preservare e rafforzare nella solidarietà tra i popoli, gli stati, i continenti. È proprio la valenza universale del diritto alla salute che ci chiama a un impegno, a una corresponsabilità di carattere globale, mettendo da parte egoismi nazionali e privilegi di sorta al fine di dare alla cooperazione mondiale un impulso di grande forza per ciò che riguarda le cure, la ricerca, lo scambio di informazioni, la fornitura di strumenti capaci di salvare vite umane".

Già.

NIGHTINGALE LA FONDATRICE DELL'INFERMIERISTICA MODERNA

Ricorre anche oggi il bicentenario della nascita di Florence Nightingale, fondatrice dell’infermieristica moderna. In questa emergenza è emerso quanto gli infermieri siano una tra le categorie maggiormente esposte ed impegnati in prima linea nella cura dei pazienti affetti da coronavirus.

Secondo i dati divulgati dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche alla data del 2 aprile 2020, sono 23 i decessi registrati fra gli infermieri positivi a Covid-19. 80 i medici.

I nuovi eroi, eroi moderni di una guerra che si combatte, oltre che con il maledetto virus, con tagli sconsiderati.

Papa Francesco ha più volte ribadito che: “la salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale el’accessibilità ai servizi sanitari, alle cure e ai farmaci non deve rimanere un miraggio”.

Scrive ancora Mattarella "Le vicende drammatiche di questi giorni hanno mostrato di quanta generosità, professionalità, dedizione sono capaci gli operatori sanitari. Il nostro pensiero grato e riconoscente va alle infermiere e agli infermieri in prima linea, e con loro a tutti i medici degli ospedali e dei servizi territoriali, agli assistenti, ai ricercatori, a quanti operano nei servizi ausiliari: li abbiamo visti lavorare fino allo stremo delle forze per salvare vite umane e molti di loro hanno pagato con la vita il servizio prestato ai malati".  

Oggi il nostro abbraccio e la nostra riconoscenza va a questi eroi.

LA GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE

La Giornata Mondiale della Salute è stata istituita nel 1950 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Agenzia dell’Onu specializzata nella difesa e tutela della salute, per commemorarne la fondazione nel 1948 ed è tesa alla sensibilizzazione di tutti i popoli sull’importanza del diritto alla salute.

Betty Martinelli

Ti potrebbero interessare anche:

SU