Al Direttore - 23 novembre 2020, 13:26

Il collegamento sud ovest e la scarsa memoria degli esponenti del Movimento Civico Galvagno

Riceviamo e pubblichiamo una replica del Partito Democratico alle affermazioni dei colleghi del gruppo di maggioranza consigliare

Il collegamento sud ovest e la scarsa memoria degli esponenti del Movimento Civico Galvagno

Non ci piacciono i “botta e risposta”, ma quando veniamo chiamati in causa nel giro di pochi giorni sullo stesso argomento – il collegamento sud ovest - non possiamo esimerci da fare qualche ulteriore precisazione, perché evidentemente non ci siamo spiegati bene. Nel nostro precedente intervento avevamo semplicemente detto che, per l’ennesima volta, il Sindaco attribuiva le responsabilità dei ritardi alle passate amministrazioni e dimostrato, citando fatti e documenti, la falsità di tali affermazioni.

Pochi giorni dopo, tuttavia, leggiamo l’attacco del Movimento Politico del Presidente della Banca CrAsti (buon gusto vorrebbe che cambiassero nome), che utilizza lo stesso approccio “è colpa di chi ha governato prima!” Premesso che questo insistente richiamo al passato non fa il bene della nostra città, nella loro replica (forse a causa del disorientamento) dimenticano un non trascurabile evento: tra chi ha governato prima c'è stato anche proprio Galvagno.

Le loro tesi si basano poi su generiche accuse non supportate da documenti ufficiali ma anche da una scarsa memoria. Non è forse vero l'opera faraonica, che allora voleva il centro destra, pur successivamente ridimensionata fu bocciata dal Ministero dell’ambiente (e ciò purtroppo dopo che la Giunta Voglino la approvò e sottoscrisse convenzione con il Presidente della Provincia Marmo e Presidente Regione Piemonte Ghigo); che fu proprio la Giunta Brignolo, a proporre e progettare un percorso alternativo più adeguato e dimensionato ai bisogni della città e che tale progetto è l’unico fino ad ora presentato al Ministero dei Trasporti.

Non è forse vero che proprio l’attuale Giunta, che il Movimento Politico Galvagno appoggia, dichiarando superate le precedenti proposte ha ipotizzato un nuovo percorso senza però avviare alcun iter progettuale ne illustrarne le caratteristiche alla città ma solo attraverso una dichiarazione dell'Assessore Stefania Morra: “Sarà una strada esterna per collegare la zona dell’Asti Ovest al Tanaro con un tracciato che passerebbe dietro l’abitato di Villaggio Bellavista Nessun tragitto sul lungo Borbore, né tunnel, ma un’opera in esterno che preveda delle intersezioni con la viabilità cittadina".

Dunque passato il disorientamento, sarebbe meglio che i sostenitori di Galvagno piuttosto che dedicarsi a sterili polemiche rivangando un passato ormai sepolto, lavorino affinché il collegamento sud ovest venga finalmente realizzato, senza dimenticare però di seguire anche le altre opere che gli Astigiani aspettano dal loro insediamento. Visto poi il loro filo diretto con il Governatore Cirio gli ricordino che il suo “forte interessamento” sia rivolto anche ad Asti e non solo ad Alba come è avvenuto nei fatti.

PD Asti Gruppo Consigliare PD Asti

Al direttore

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU