Attualità - 24 novembre 2020, 12:45

Anche la Questura di Asti si illumina di arancione contro la violenza di genere

In occasione della Giornata Internazionale in programma domani, verranno anche divulgate brochure della campagna permanente “…questo NON E’ AMORE”

Anche la Questura di Asti si illumina di arancione contro la violenza di genere

Domani, in occasione della ricorrenza del 25 novembre, Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, la Polizia di Stato riproporrà, per il 4° anno consecutivo, la campagna permanente “…questo NON E’ AMORE”, ideata e promossa dalla Direzione Centrale Anticrimine del Dipartimento della Pubblica Sicurezza e fortemente voluta dal Capo della Polizia prefetto Franco Gabrielli, che si pone l’obiettivo di diffondere una nuova cultura di genere ed aiutare le vittime di violenza a vincere la paura di denunciare.

La nuova brochure che verrà divulgata per la circostanza attraverso molteplici canali di informazione e piattaforme social ad Enti ed Associazioni che a svariato titolo si occupano di questa tematica, riespone foto, brevi storie e ricordi di poliziotti, impegnati quotidianamente, in silenzio e senza clamore, sul fronte della lotta alla violenza e ai soprusi in danno delle donne; il tutto per ricordare che dietro ogni storia ci sono volti, di chi subisce e di chi aiuta, di chi ha paura e di chi rassicura, di chi è disperato e di chi tende la mano per dare un aiuto concreto.

Anche ad Asti e provincia, viste le misure di contenimento in atto a causa del Covid-19, non verranno promosse iniziative “in presenza”, ma – in collaborazione con lo Zonta International Club di Asti, associazione di servizio attivissima sul territorio per il miglioramento della condizione femminile (la stessa che lo scorso anno ha contribuito alla realizzazione della Stanza per le Donne ed i Fanciulli inaugurata dal Capo della Polizia), e con l’elettricista astigiano Pietro Romanatol’ingresso principale della Questura sarà illuminato con un fascio di luce arancione, colore simbolicamente scelto dall’ONU in tutto il mondo per connotare la campagna di prevenzione contro la violenza sulle donne e bambine.

L’iniziativa vuole sottolineare l’importanza che la conoscenza e l’approfondimento di grandi temi assumono anche attraverso momenti “simbolici”, quali l’illuminazione di un edificio istituzionale con un fascio di luce, perché, come sottolinea il Questore di Asti dr. Sebastiano Salvo: Una società consapevole è più forte e meno permeabile dal crimine e la Polizia di Stato, nel suo ruolo di promotore anche di attività e progetti di rilevanza sociale, conferma di essere un’istituzione al passo con i tempi, impegnata nella quotidiana declinazione del suo “core business”: ESSERCI SEMPRE”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU