Cronaca - 12 maggio 2021, 17:50

Asti: continua in Tribunale il processo a carico di una donna accusata di aver picchiato il marito, anche davanti alla figlia piccola

Secondo quanto raccolto dagli accertamenti clinici, la donna all'epoca dei fatti soffriva di una grave depressione post partum e aveva un quadro borderline. Prossima udienza a luglio

Asti: continua in Tribunale il processo a carico di una donna accusata di aver picchiato il marito, anche davanti alla figlia piccola

Continua in tribunale ad Asti il processo a carico di una donna astigiana, accusata di aver picchiato più volte il marito, anche davanti alla figlia minorenne e di danneggiamento nei confronti della suocera.

Ieri, infatti, davanti al giudice Beconi è stato ascoltato l'ultimo testimone dell'accusa (avvocato Rita Armeni), ovvero una consulente tecnica d'ufficio, nominata all'epoca dei fatti, in seguito alla separazione dei coniugi.

Dagli accertamenti svolti sarebbe emerso che la donna fosse in grandi difficoltà emotive e che avesse scarse competenze genitoriali all'epoca, a causa della sua condizione borderline, ma anche per colpa di una seria depressione post partum.

Un comportamento complesso, che, secondo gli studi clinici, sarebbe stato causato da una forte depressione post partum, a cui si sarebbe aggiunto un quadro psicologico borderline.

Alla donna sarebbero stati somministrati prima ansiolitici e poi antipsicotici, per contenere entrambi i disturbi. Lei, però, non li avrebbe assunti regolarmente.

Per la difesa, con l'avvocato Alberto Bazzano del Foro di Torino, quelle rivolte all'imputata sono accuse infondate.

A metà luglio una nuova udienza, in cui verrà esaminata l'imputata e saranno ascoltati i testimoni della difesa.

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU