Solidarietà - 29 luglio 2021, 20:48

Asti si prepara alla corsa finale per diventare “Capitale Europea del Volontariato 2023” [FOTO]

Nel corso di una cerimonia al Battistero di San Pietro, il presidente Cirio e il vice Carosso hanno consegnato all’Amministrazione il certificato di candidatura

Galleria fotografica curata da Efrem Zanchettin - MerfePhoto

Galleria fotografica curata da Efrem Zanchettin - MerfePhoto

Questo pomeriggio si è svolto, presso il Battistero di San Pietro, la presentazione del Logo e della Candidatura di Asti a “Capitale Europea del Volontariato 2023”.

Tra le molte autorità presenti all’evento, nel corso del quale il CSVAA ha presentato l’Atlante delle Associazioni di Volontariato 2021, anche il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e il suo vice, l’astigiano Fabio Carosso, che hanno materialmente consegnato all’Amministrazione astigiana il certificato di candidatura.

Insieme al nostro Comune si contenderanno l’importante titolo Birgu (Malta), Oeiras (Portogallo) e Trondheim (Norvegia).

La European Volunteering Capital Competition è stata lanciata nel 2013, Anno europeo dei cittadini, per promuovere e sviluppare il volontariato a livello locale. Il primo vincitore del concorso a ricevere il titolo di Capitale Europea del Volontariato nel 2014 è stato Barcellona, ​​seguito da Lisbona Capitale Europea del Volontariato 2015, Londra Capitale Europea del Volontariato 2016, Sligo Capitale Europea del Volontariato 2017, Aarhus Capitale Europea del Volontariato 2018, Košice Capitale Europea del Volontariato 2019 , Padova Capitale Europea del Volontariato 2020, Berlino Capitale Europea del Volontariato 2021 e Danzica Capitale Europea del Volontariato 2022.

La città candidata che si aggiudicherà l’ambito riconoscimento verrà annunciata in dicembre a Berlino, in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato.

Gabriele Massaro

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU