Politica - 17 maggio 2024, 18:37

La storia di Ilaria Salis raccontata ad Asti dal padre Roberto [VIDEOINTERVISTA]

Oggi alla Casa del popolo. "La candidatura ha fatto scattare una molla nelle decisioni delle autorità ungheresi"

La storia di Ilaria Salis raccontata ad Asti dal padre Roberto [VIDEOINTERVISTA]

La storia di Ilaria Salis raccontata oggi alla Casa del popolo di Asti dove il padre Roberto è intervenuto su invito dei candidati Avs.

Salis è stato moderato da Vittoria Briccarello, alla presenza di Marco Grimaldi e Andrea John Dejanaz .

ln questi giorni la notizia che la maestra 39enne attivista milanese, candidata con Avs alle prossime Europee, potrà lasciare il carcere a Budapest dove si trova da oltre 15 mesi, ma dovrà tenere il braccialetto elettronico.

Negli ultimi tempi si è parlato molto della Salis, non solo per le immagini che la ritraggono in catene durante le udienze in Ungheria, ma anche per la sua candidatura alle prossime elezioni europee, che ha generato un accesso dibattito. 

"Ilaria - spiega il padre raccontando i fatti - è contenta che si sia creata questa attenzione sul suo caso. L'11 febbraio a Budapest in occasione del Giorno dell'onore si ricordava una battaglia cruenta con 28mila soldati e l'uccisione di 14mila perché il comandante aveva deciso di contrastare le direttive. Questa festa viene fatta annualmente dal 1989. Si ritrovano neonazisti da tutta Europa per festeggiare l'evento che in Italia sarebbe vietato per apologia. Ilaria ha contestato ed era in taxi con due cittadini tedeschi ed è stata portata in una stazione di polizia. L'hanno spogliata e messo abiti sporchi e chiusa in una cella senza nessun genere di conforto, neppure carta igienica e assorbenti ".

I contatti con i genitori sono stati concessi solo il 7 settembre via skipe e, di persona, il 12 ottobre 

"Il console ci ha fatto avere un documento destinato all'avvocato di Ilaria - l'ho letto e mi sono reso conto delle torture. Sono inorridito e ho chiesto a mia figlia di denunciare ma all'inizio ne aveva paura, temeva di peggiorare la situazione".

Roberto Salis ha avuto anche delle lunghe discussioni che alla fine l'hanno convinta. 

"Senza l'aiuto dell'opinione pubblica- aggiunge Salis - non si sarebbe mosso tutto questo. La candidatura ha fatto scattare una molla nelle decisioni delle autorità ungheresi".

LA VIDEOINTERVISTA

Chi è Ilaria Salis

Ilaria Salis è una maestra di Monza, ha 39 anni e dal febbraio 2023 è rinchiusa in carcere in Ungheria. La donna è una convinta antifascista e attivista delle lotte per i diritti sociali, a volte definita anarchica. È laureata con lode in Storia all'Università Statale con una tesi su Sant'Ambrogio. Poi è diventata insegnante in una scuola elementare di Milano.

È accusata di avere aggredito due uomini causando lesioni giudicate guaribili in 5 e 8 giorni e non risulta che i due, che stavano celebrando Il giorno dell'onore.

La presunta aggressione è avvenuta a Budapest alla vigilia dell’11 febbraio.

Il 15 maggio 2024, è arrivato l'annuncio: Ilaria Salis esce dal carcere e va ai domiciliari. 

Betty Martinelli


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

SU