Attualità - 10 luglio 2024, 08:28

"Siete dei pagliacci", "Forza zozzoni", "Meritate il confino": onda d'odio contro Asti Pride

La consigliera Briccarello: "Spero questi commenti rendano evidente l'enormità del problema"

Vittoria Briccarello e Patrizio Onori ritratti (ph. Merfephoto - Efrem Zanchettin) durante gli interventi finali del Pride 2024

Vittoria Briccarello e Patrizio Onori ritratti (ph. Merfephoto - Efrem Zanchettin) durante gli interventi finali del Pride 2024

“Pagliacci anche ad Asti”, “La nostra bella Italia si è rigirata”, “Anche ad Asti si è anticipato il carnevale di ben 8 mesi”, “Ma in Italia esistono ancora gli etero? Tanto per capire perché bisognerebbe fare gli straordinari”, “Forza zozzoni”, “E se ne andarono all’inferno ridendo e ballando”, “Ogni giorni la fiera degli ortaggi”, “Il circo non si ferma”, “Il circo Orferi ve fa ‘na pippa”, “Fate pena, vergognatevi”. Oltre ai purtroppo immancabili richiami al fascismo, ad esempio con una gif che ritrae l’ex calciatore Paolo Di Canio mentre fa il saluto a mano tesa.

Al netto che ve ne siano anche di tenore opposto, gran parte dei 464 commenti postati in meno di due giorni sul profilo ufficiale dell’Associazione Asti Pride, sotto un video che documenta lo svolgimento del Pride svoltosi sabato pomeriggio (CLICCA QUI per rileggere l'articolo), sono di tenore derisorio o offensivo.

Lo segnala la consigliera comunale e attivista Asti Pride Vittoria Briccarello, che scrive: “Non era MAI e ripeto MAI successa una cosa simile sulla nostra pagina. Il tenore arriva fino ad augurare il confino. Spero che questo renda evidente la problematica ENORME”.

Stato delle cose che, peraltro, era stato rimarcato anche nell’ambito dei discorsi conclusivi dell’evento di sabato: secondo pressoché tutti gli intervenuti, compresa la già citata Briccarello, oggi più che mai il Pride è necessario per rivendicare a pieni polmoni parità di diritti, compreso l’amare liberamente.

Gabriele Massaro

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

SU