/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 22 gennaio 2020, 18:10

Al Teatro Balbo di Canelli in scena "Triangoli Rossi", in occasione della Giornata della Memoria

Appuntamento per venerdì alle 21 con lo spettacolo del Teatro degli Acerbi e Israt

Al Teatro Balbo di Canelli in scena "Triangoli Rossi", in occasione della Giornata della Memoria

Comincia l'attesa Stagione 2020 del riaperto Teatro Balbo di Canelli, gestito dal Teatro degli Acerbi grazie al contributo del Comune di Canelli e delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Torino e Cassa di Risparmio di Asti, oltre che degli sponsor coinvolti nel progetto.

Triangoli Rossi

Si inizia venerdì 24 gennaio alle 21 con la Giornata della Memoria, momento sempre molto atteso dalla comunità canellese: quest'anno il programma organizzato con Memoria Viva Canelli è arricchito dallo spettacolo "Triangoli Rossi" di Teatro degli Acerbi e ISRAT - Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea AT. I testi sono a cura di Nicoletta Fasano e Mario Renosio da testimonianze e memorie degli astigiani deportati nei campi di concentramento nazisti; in scena Massimo Barbero e Dario Cirelli (che ha curato anche la rielaborazione drammaturgica e regia), la regia video è di Riccardo Bosia.

Noi avevamo sul braccio il triangolo rosso dei politici, con la matricola sui pantaloni e la piastrina al collo con il numero… E ci chiamavano solo per numero. Eravamo dei numeri. Dei numeri".

Un coro di testimonianze, frammenti di storie, confessioni si alternano alle immagini d'archivio dei campi di concentramento; queste schegge di memoria prendono vita dalle parole di un nipote che rileggendo il diario di suo nonno, che dalla nebbia ritorna, per raccontare la sua odissea: dall’arresto alla liberazione dal Lager. La fame, la violenza, i sogni infranti contro il filo spinato, i difficili ritorni, con il loro carico di dolore e di speranza tradita per un rientro inaspettatamente difficile nella normalità, tutto viene raccontato, con parole che diventano pietre della memoria.

Il ricordo dei deportati canellesi

Commenta Dario Cirelli: "Ricordare, per noi, è un atto d’amore. Fare memoria è il testimone che i deportati ci hanno lasciato affinché i nostri figli e i nostri nipoti possano vivere sempre liberi". Durante la serata, Memoria Viva Canelli ricorderà i deportati e internati canellesi con immagini e filmati e l’ensemble musicale dell’Associazione Zoltan Kodaly (Angela Agrosi, Federica Baldizzone, Sofia Barbero, Davide Borrino, Luca Careglio, Daniela Herin, Daniele Molteni, Simona Scarrone, Alessandro Zuccaro) eseguirà un repertorio tradizionale ebraico.

Biglietti

Lo spettacolo è in programma al mattino anche per le scuole medie e superiori canellesi. Biglietti per la serata: 8 euro intero, 6 euro ridotto.

Prevendita presso l'Osteria dei Meravigliati (via GB Giuliani 29, Canelli): tutti i giorni dalle 11 alle 15, da mercoledì a domenica anche dalle 18 alle 20.

Per informazioni e prenotazioni: cell. 3334519755, mail teatrobalbocanelli@gmail.com.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium