Cronaca | 06 dicembre 2021, 07:32

San Fedele torna all'attenzione del 'piromane'. Ancora un incendio auto in via Badalin

Non c'è pace per gli abitanti del quartiere che recentemente ha chiesto attenzione. L'auto incendiata nel cortile di un condominio

In foto il penultimo incendio auto a San Fedele

In foto il penultimo incendio auto a San Fedele

Ore 23.43, alla centrale operativa del comando dei vigili del fuoco di Asti, arriva l'ormai ennesima telefonata da villaggio San Fedele.

Una donna comunica di avere visto la sua auto in fiamme in via Badalin 28, nel cortile e nuovamente i vigili corrono tempestivamente a spegnere l'incendio 'contenendo' i danni 'solo' nella parte anteriore del veicolo.

E ieri sera era già successo due volte. Verso le 19.15 due auto incendiate in zona Trincere e due a Nizza Monferrato.

Una lunga catena che parte dallo scorso anno quando ne furono incendiate 13 di fila, episodi per i quali era stato indentificato un minorenne, responsabile anche dei danneggiamenti al Movicentro di Asti nei giorni scorsi.

Il ragazzo è stato identificato dalla polizia.

Sui roghi di San Fedele stanno indagando i carabinieri intervenuti anche questa notte.

Il 26 novembre il Comitato San Fedele, dopo l'incendio di due auto in via Degli Spalti e via Trilussa avevano, con una conferenza stampa, chiesto più attenzione per il quartiere, lamentando mancanza di telecamere e scasa illuminazione, segnalando anche corse pericolose di auto durante la notte.

Betty Martinelli

Leggi tutte le notizie di VIVIAMO IN UN POSTO BELLISSIMO ›

Viviamo in un posto bellissimo

Davide Palazzetti

Chi sono in tre righe? Ci si prova.
Partiamo dal personale: marito innamorato e padre fortunato. Tergiversando poi su info tipiche da curriculum, amo il nostro territorio. Lo vivo come nostro anche se vi arrivo da Genova nel 2003. Mi occupo di marketing territoriale e promozione turistica con la piacevole consapevolezza di quanta bellezza ci circondi. Racconto un posto bellissimo, qui e su alcuni miei gruppi Facebook, nella certezza che una delle poche vie di riscatto dell’Astigiano sia riempirlo di turisti.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium