/ Viabilità

Viabilità | 11 dicembre 2018, 08:09

I consiglieri 5 Stelle: "La Regione convochi Trenitalia per ripristinare al più presto i Frecciabianca"

Lo scrivono gli esponenti regionali pentastellati Paolo Mighetti e Federico Valetti in una nota firmata coi colleghi consiglieri comunali, di Asti e Alessandria, Massimo Cerruti e Michelangelo Serra

I consiglieri 5 Stelle: "La Regione convochi Trenitalia per ripristinare al più presto i Frecciabianca"

La Regione Piemonte convochi subito Trenitalia per ripristinare i frecciabianca su Asti da e per Alessandria e Piacenza. E’ quanto chiedono, mediante una nota stampa congiunta, i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Paolo Mighetti e Federico Valetti (anche vicepresidente della Commissione regionale Trasporti) ed i colleghi consiglieri comunali di Asti ed Alessandria Massimo Cerruti e Michelangelo Serra.

“Il basso Piemonte – scrivono gli esponenti pentastellati – ha già pagato il taglio di 12 linee ferroviarie locali, ora con l’eliminazione di questo servizio migliaia di pendolari sono ancora più in difficoltà”.

“Una situazione inaccettabile – argomentano ancora –, diretta conseguenza di scelte sbagliate della politica. Chi ha amministrato la Regione, destra e sinistra, non si è mai preoccupato di far inserire i frecciabianca all’interno del contratto di servizio con il gestore. E così Trenitalia da anni continua a dettare le politiche sulla mobilità che dovrebbero invece spettare alla politica. E’ sempre più necessario inoltre uno studio regionale sulla mobilità dei piemontesi per riprogettare tutti i servizi ferroviari di tutto il territorio”.

I consiglieri hanno messo a punto un ordine del giorno, a prima firma Paolo Mighetti, che impegna la Giunta regionale ad attivarsi, insieme alla Regione Emilia Romagna ed ai capoluoghi interessati, ad aprire un tavolo di confronto con Trenitalia. Anche nell’ottica di valutare la possibilità di introdurre un regionale veloce di collegamento tra Asti, Alessandria, Tortona e Piacenza senza intasare il nodo di Milano, evitando inutile dispendio di tempo e risorse ai viaggiatori.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium