/ 

| 05 dicembre 2019, 17:30

Mezzi pesanti: meno incidenti in Piemonte, ma Asti fa eccezione

A fronte del miglioramento regionale, Asti registra un +25%

Mezzi pesanti: meno incidenti in Piemonte, ma Asti fa eccezione

Sempre meno incidenti (e dunque più sicurezza sulle strade), quando in Piemonte si parla di traffico che coinvolge i mezzi pesanti, siano essi autobus, oppure camion.

Lo dicono i dati Istat elaborati dal Centro Ricerche Continental Autocarro 2014-2018: nella nostra regione la diminuzione ha riguardato sia i bus (-24,4%) sia gli autocarri, anche se in misura minore (-2,1%). Nel primo caso, i mezzi coinvolti nel 2018 sono stati 149, mentre nel secondo caso sono stati 1.517.

+ 25 % e 27,4% ad Asti

Tra le province, la situazione rispetto a 4 anni fa è piuttosto diversa. Cali si sono registrati infatti a Vercelli (-100%), Verbano-Cusio-Ossola (-60%), Alessandria (-33,3%) e Torino (-26,9%), mentre nelle restanti province (ad eccezione di Biella, che non presenta variazioni) si registra un aumento: Novara +125%, Asti +25%, Cuneo +14,3%.

Nel comparto degli autocarri le province che registrano una diminuzione sono Verbano-Cusio-Ossola (-17,6%), Cuneo (-17,3%), Vercelli (-7,1%) e Torino (-1,4%). In tutte le altre province i dati sono in aumento: si va dal +2,3% di Alessandria al +4,9% di Novara fino al +27,4% di Asti.

A livello nazionale gli autobus coinvolti in un incidente stradale nel nostro Paese nel 2018 sono stati 2.397, con un calo del 4,5% rispetto al 2014. Gli autocarri pesanti (incluse le motrici) coinvolti in un incidente stradale, sempre nel 2018, sono stati 21.029, con una diminuzione dell’1,5% rispetto al 2014.

I dati mostrano un miglioramento - sottolinea Enrico Moncada, Business Unit Truck Replacement and Original Equipment Manager Continental Italia - ma è indispensabile continuare sulla strada intrapresa. C’è ancora molto lavoro da fare e gli incidenti si devono ulteriormente ridurre".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium