/ Green

Green | 16 ottobre 2020, 07:30

"Quando verranno installate le colonnine per le auto elettriche?". Due consiglieri di minoranza interrogano il sindaco

A luglio l'Amministrazione aveva annunciato la firma del protocollo d'intesa con Blitz Power S.r.l., per il posizionamento di 13 colonnine. Malandrone: "Quando verranno messe?"

La mappa delle colonnine

La mappa delle colonnine

Nell'ultimo periodo si parla molto di auto elettriche e ibride, che stanno cercando di rivoluzionare il nostro modo di guidare e di vivere la città.

Anche la città di Asti, a luglio di quest'anno, aveva annunciato di aver firmato il protocollo d'intesa con la “Blitz Power S.r.l.”, azienda specializzata nella installazione e gestione di reti di ricarica per veicoli elettrici, individuata attraverso una selezione mediante avviso pubblico.

Tredici colonnine sarebbero state posizione in zona ospedale, piazza Lugano, piazza Vittorio Veneto, piazza Cattedrale, Palazzetto dello Sport, Tribunale, piazza Roma, piazza San Paolo, piazza Campo del Palio, piazzale De Andrè, piazza Marconi, piazza Alfieri (2).

Il consigliere comunale di Ambiente Asti, Mario Malandrone, insieme a Michele Anselmo, consigliere comunale per Uniti si può, chiede però all'Amministrazione alcuni chiarimenti.

"Con quale procedura e per quali motivi è stata scelta questa società? Quali tariffe avranno i consumatori paragonate ad altri gestori? Entro quanto verranno installate le colonnine e dove?", chiede Malandrone.

Attualmente, se si escludono le colonnine di ricarica private poste nella zona Est, vi è un solo punto di erogazione in prossimità del Teatro Alfieri, in ZTL con parcheggio riservato al Comune di Asti.

"Se si esegue una ricerca sulle app specializzate e sui siti che indicano le colonnine elettriche presenti, Asti risulta fanalino di coda come capoluogo di Provincia", commenta Malandrone. 

A luglio il sindaco Maurizio Rasero aveva dichiarato: "La mobilità elettrica presenta grandi potenzialità in termini di riduzione dell'inquinamento sia atmosferico che acustico, presupposto indispensabile per una politica di sviluppo sostenibile, che sostenga la cultura della salute e del rispetto ambientale verso una Asti sempre più green".

Elisabetta Testa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium