/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 08 gennaio 2021, 11:00

Dalla Fondazione CRT importanti contributi anche per l'Astigiano per il recupero di beni tutelati

135 gioielli artistici e architettonici del Piemonte e della Valle d’Aosta potranno rinascere con i 2,4 milioni di euro. Interessati anche Asti, San Giorgio Scarampi, Grana, Tonengo, Moncucco, Montiglio, Villafranca e Castello di Annone

Palazzo Ottolenghi Asti salone

Foto Ansa

135 gioielli artistici e architettonici del Piemonte e della Valle d’Aosta potranno rinascere con i 2,4 milioni di euro di contributi assegnati da Fondazione CRT tramite il bando “Restauri Cantieri Diffusi”.

Obiettivo di questa progettualità è recuperare beni immobili e mobili – campanili, facciate, pavimentazioni, tele, statue, libri, arredi lignei – sottoposti a tutela, e promuovere la conoscenza e la piena fruizione dei luoghi da parte di fasce sempre più ampie di pubblico. Le risorse della Fondazione CRT renderanno possibile restauri e recuperi anche nell'Astigiano.

I gioielli dell'Astigiano interessati

  • Asti: contributo per il recupero architettonico e funzionale di Palazzo Ottolenghi - restauro sale di rappresentanza;
  • San Giorgio Scarampi: contributo per il restauro e il risanamento conservativo degli intonaci e degli altari in stucco della chiesa cimiteriale di San Bartolomeo - lotto A;
  • Grana, parrocchia Assunzione Maria Vergine: contributo per la manutenzione straordinaria dell'organo a canne della chiesa parrocchiale;
  • Tonengo, parrocchia della concezione immacolata di Maria Vergine: contributo per il progetto di consolidamento strutturale e ripristino edilizio della chiesa parrocchiale di Tonengo; 
  • Moncucco Torinese, parrocchia di San Giovanni Battista: contributo per l'intervento di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza della chiesa di S. Michele Arcangelo; 
  • Montiglio Monferrato, parrocchia di San Lorenzo: contributo per il restauro e il risanamento conservativo della copertura della chiesa parrocchiale di Santa Maria della pace;
  • Villafranca, parrocchia S. Maria Assunta: contributo per il restauro e la messa in sicurezza dellla facciata della chiesa dei SS. Eusebio e Elena; 
  • Castello di Annone, parrocchia Santa Maria delle Ghiare: contributo per il restauro conservativo delle superfici murarie ammalorate della chiesa parrocchiale.

Le parole del presidente Quaglia

La tutela del patrimonio storico, artistico e architettonico nel contesto paesaggistico e ambientale ha un ‘senso contemporaneo’, un legame identitario con la vita della comunità: per i mecenati del XXI secolo come le Fondazioni, salvare la memoria e la bellezza dei luoghi, in linea con i principi stessi della Costituzione, significa lavorare concretamente per il bene comune – afferma il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia –. Il progetto ‘Restauri’ unisce al valore culturale anche quello economico-occupazionale, particolarmente significativo in questo momento di estrema difficoltà per il Paese, restituendo fiducia, speranza e una prospettiva di ripartenza: l’apertura dei cantieri per il recupero delle opere, infatti, creerà nuove opportunità di lavoro sul territorio funzionali alla ripresa, rafforzando la capacità di ‘resilienza’ dell’intera comunità”.

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium