/ Politica

Politica | 11 febbraio 2021, 07:00

Italexit, il senatore Gianluigi Paragone ai circoli piemontesi: "La Regione ha perso migliaia di posti di lavoro per colpa dell'Europa"

Franco Quaglia, referente della federazione astigiana ha evidenziato le problematiche del mercato coperto di Asti, ospedale di Nizza e ambulatorio di Canelli

Gazebo di Italexit con Paragone e 'astigiano Quaglia

L'astigiano Franco Quaglia con Paragone

Sabato scorso si è svolta a Caluso (Torino) la prima segreteria regionale di Italexit con Gianluigi Paragone.

All'incontro hanno partecipato i referenti del partito di tutte le province e lo stesso Paragone.

Il senatore, da sempre attento alle problematiche del territorio piemontese, ha aperto i lavori tracciando le linee guida dell’azione del partito a livello locale: "In questi 30 anni di Unione Europea il Piemonte ha pagato un prezzo altissimo con migliaia di aziende fallite e disoccupazione dilagante. Sempre più persone si rivolgono a Italexit perché hanno capito che proponiamo l’unica soluzione percorribile per non finire in rovina: qui in Piemonte i nostri interlocutori dovranno essere i piccoli imprenditori, gli artigiani, i commercianti, gli operai e tutti quei giovani che vogliono riprendersi in mano il proprio destino".

Franco Quaglia, referente della federazione astigiana, è quindi intervenuto per fornire un resoconto dell’attività di Italexit in questi primi mesi di vita: "La nostra proposta politica sta avendo ottimi riscontri ad Asti e provincia, con nuovi tesserati ogni settimana e con alcuni amministratori locali pronti ad aderire al progetto. Siamo regolarmente presenti sul territorio con i nostri gazebi e a breve ci espanderemo con nuovi nuclei al di fuori del capoluogo. L'Unione Europea ha recentemente approvato un nuovo regolamento che obbligherà i produttori di vino ad apporre sulle bottiglie avvisi simili a quelli che si trovano sui pacchetti di sigarette: è l’ennesimo delirio di Bruxelles per affossare la nostra economia e contro cui ci opporremo inogni modo".

Il senatore Paragone ha chiesto al referente coordinatore della provincia di Asti di organizzare un’analisi del territorio segnalando le problematiche e fare delle proposte

Quaglia, ha già segnalato le problematiche del mercato coperto di Asti, l’ospedale di Nizza e ambulatorio di Canelli. Il gruppo dirigenziale del partito ItalExit sta organizzando punti di ascolto sul territorio della provincia.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium