/ Palio

Palio | 10 agosto 2021, 14:38

Oggi si celebra la giornata dell’Orgoglio Astese

Il 10 agosto 1275, l’esercito Astese corse il Palio nei pressi delle porte di Alba

Bandiera Astese

Quella di oggi è una giornata particolare per Asti, poiché vi ricade l’anniversario di avvenimento molto significativo per la città, che altresì ne definisce l’importanza in un’epoca storica ormai lontana.

“Post haec Astenses venerunt Albam ad Sanctum Frontanianum, et eorum vineas et arbores vastaverunt, et prope eorum portas palius Astensis cursus fuit, sicut fieri solet Ast in festo beati Secundi, et hoc fuit in festo beati Laurencii. Anno Domini MCCLXXV”

(“Dopo questi fatti gli Astesi vennero ad Alba, a San Frontaniano, devastarono le loro vigne e gli alberi e vicino alle loro porte si corse il Palio Astese, come suole farsi ad Asti nella festa di San Secondo e ciò avvenne nella ricorrenza del Beato Lorenzo. L’anno 1275”), scrive Guglielmo Ventura nel capitolo X del suo “Memoriale”.

Un documento di grande rilevanza storica dal quale si evince che il Palio era definito ‘una consuetudine’, per cui è probabile che Asti sia stata una delle prime città ad averlo regolamentato, e il fatto che “correre il Palio” in un territorio diverso dal proprio indicava padronanza e influenza su quell’area.


Al punto tale da 'consentire' all'esercito Astese di compiere un atto simile proprio nel giorno di San Lorenzo, Patrono degli allora nemici albesi.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium