/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 21 settembre 2021, 13:10

Coldiretti approva il Green pass: “Serve per evitare un nuovo blocco della filiera alimentare”

A causa del lockdown, sottolineano i vertici dell’associazione di categoria, nel 2020 sono andati in fumo circa 30 milioni di fatturato

Coldiretti approva il Green pass: “Serve per evitare un nuovo blocco della filiera alimentare”

Giudicando in modo sostanzialmente positivo la decisione del governo, il presidente Coldiretti Ettore Prandini sottolinea che l’obbligo del Green pass è importante anche per evitare il rischio di un nuovo lockdown, che alla filiera agroalimentare Made in Italy è costato 30 miliardi nel 2020 con un effetto valanga sulla produzione agricola e sull’occupazione.

Pertanto il presidente dell’associazione rimarca l’importanza di garantire una flessibilità per evitare l’interruzione della catena di approvvigionamento alimentare, con l’ipotesi di poter sostituire con contratti a termine il lavoratore senza certificato verde nelle aziende con meno di 15 dipendenti.

Coldiretti ha stimato che 330mila tonnellate di carne bovina, 270mila tonnellate di pesce e frutti di mare e circa 220 milioni di bottiglie di vino non siano mai arrivati nell’ultimo anno sulle tavole dei locali, costretti ad un logorante stop and go senza la possibilità di programmare gli acquisti anche per prodotti fortemente deperibili.

COLDIRETTI ASTI: "LA RISTORAZIONE HA PERSO IL 48% DEL FATTURATO"

La ristorazione è stata tra i settori più colpiti dalla pandemia ricordano Marco Reggio, presidente Coldiretti Asti e Diego Furia, direttore Coldiretti Asti - con i consumi alimentari degli italiani fuori casa che nel 2020 sono scesi al minimo da almeno un decennio con un crack senza precedenti per bar, ristoranti, trattorie e agriturismi che hanno perso complessivamente il 48% del fatturato che non è stato compensato dall’aumento dei consumi casalinghi, secondo l’analisi di Coldiretti su dati Ismea”.

“Dalla carne, ai salumi, dal vino ai formaggi: sono diversi i prodotti alimentari piemontesi di eccellente qualità che trovavano sbocco principalmente nella ristorazione di alto livello e che hanno subito una grave crisi con la chiusura della ristorazione - concludono Reggio e Furia -. Dopo l’estate che ha visto, grazie anche al Green pass, la ripresa del turismo italiano e straniero anche nella provincia di Asti, è fondamentale ora evitare nuovamente il blocco della filiera alimentare”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium