/ Scuola

Scuola | 30 novembre 2022, 12:02

Plebiscitaria risposta degli studenti astigiani al questionario di SOS donna

Sono stati 7.555 i giovani che hanno compilato il documento che verteva sul tema “Quanto siamo disposti ad aiutare chi subisce violenza?

Una delle slide elaborate dai docenti all'Artom di Canelli

Una delle slide elaborate dai docenti all'Artom di Canelli

Sono ben 7.555 gli studenti astigiani che, nel periodo compreso tra il 28 settembre e il 25 novembre, hanno risposto al questionario "Mi aiuti o non mi aiuti?" proposto da SOS donna.

Un risultato straordinario, di molto superiore rispetto a quello registrato lo scorso anno scolastico da un’analoga iniziativa (ovvero “Ti rispetto”, dieci domande sulla violenza psicologica), rivolta alle scuole, che aveva, comunque, ottenuto 5.388 adesioni.

Questa volta a rispondere sono stati 1.147 ragazzini delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado, per la prima volta coinvolti dalle azioni di SOS donna, e 6.408 giovani delle secondarie di secondo grado. I quesiti vertevano intorno al tema: "Quanto siamo disposti ad aiutare chi subisce violenza?".

Attualmente è in corso l'elaborazione dei dati e l'analisi delle risposte da parte della dottoressa Elisa Lupano, pedagogista, che collabora con l'Associazione "Mani Colorate" (contrasto al bullismo), presente sul sito web sos-donna.it insieme a tutti gli altri servizi astigiani che operano contro la violenza di genere.

I risultati verranno resi pubblici nel mese di dicembre congiuntamente all'elenco dettagliato delle scuole che hanno aderito.

ENTI E ASSOCIAZIONI CHE HANNO CONTRIBUITO

Hanno contribuito al successo di "Mi aiuti o non mi aiuti?" l'Ufficio Scolastico Territoriale di Asti, i Dirigenti Scolastici delle molte scuole partecipanti, i docenti e naturalmente i giovani. Indispensabile l'apporto della Questura e dei Carabinieri nella stesura dei quesiti (tre rivolti alle scuole medie, cinque a quelle superiori), dei Consorzi socio-assistenziali Cisa Asti_Sud e Cogesa sui territori di loro competenza, del Consiglio regionale del Piemonte, che da tre anni, attraverso la Consulta delle Elette e la Consulta Femminile, sostiene il progetto SOS donna ideato dall'Associazione Agar.

Significativo il fatto che la diffusione del questionario nelle scuole medie sia stata sollecitata da numerosi sindaci dell'Astigiano convinti che contro la violenza di genere occorra agire anche sotto il profilo della prevenzione. Di sicuro effetto, infine, il passaparola di cui si sono rese protagoniste le donne del Soroptimist di Asti dentro e fuori gli istituti scolastici.

Per conoscere l'attività di SOS donna, le istituzioni, enti e associazioni che sostengono il progetto (tra questi anche l'Anci Piemonte, Asl AT e la Fondazione CRAT con Banca di Asti) o vi collaborano si può consultare il sito sos-donna.it

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium