/ Attualità

Attualità | 06 dicembre 2022, 12:08

Iniziati i lavori di restauro e valorizzazione del Museo di Sant'Anastasio

Costeranno poco meno di 1,3 milioni di euro, dureranno 600 giorni e verranno eseguiti dalle ditte Bellio Libero di San Paolo Solbrito e Nicola Restauri Srl di Aramengo

Immagine d'archivio della Cripta di Sant'Anastasio

Immagine d'archivio della Cripta di Sant'Anastasio

Dopo Palazzo Ottolenghi, gli interventi di valorizzazione del patrimonio storico-artistico cittadino proseguono con l’inizio dei lavori al Museo di Sant’Anastasio, inserito nel Piano Strategico denominato "Asti: Vino e Cultura". L’importo complessivo dei lavori ammonta a 1.292.362,94 euro, i lavori di restauro – affidati alle ditte Bellio Libero di San Paolo Solbrito e Nicola Restauri Srl di Aramengo – sono stati consegnati ieri (5 dicembre) e avranno una durata complessiva di 600 giorni.

La storia di quello che è stato denominato “Museo Lapidario”, ora “Museo di Sant'Anastasio”, inizia nel 1972 quando un gruppo di astigiani del gruppo Ricerche Astigiane decise di rendere visitabile la cripta e creare un primo spazio museale. I locali oggetto di intervento sono di proprietà comunale, e la destinazione d’uso, ad opere concluse, sarà museale ed espositiva ed andrà a completare definitivamente il nucleo delle sale costituenti il Museo di Sant’Anastasio.

“La realizzazione degli interventi in progetto – riferisce il vicesindaco Stefania Morra con delega ai Lavori Pubblici e al Progetto Vino e Cultura – porterà al completamento di un museo, con l’ampliamento della superficie espositiva ed il collegamento con l’area adibita a deposito archeologico e laboratorio di restauro dei reperti”.

Nei nuovi locali verranno esposti i ‘reperti’ costituenti il Museo Archeologico oggi allestiti nel complesso monumentale di San Pietro e tutta la collezione egizia sempre ivi esistente. Le collezioni in esposizione saranno integrate con parte dei reperti oggi depositati nel magazzino archeologico del Museo e con alcuni ‘materiali’ che verranno trasferiti ad Asti dai magazzini dei Musei Reali di Torino e dai depositi del Museo diocesano di Asti.

Degno di nota il fatto che nel nuovo allestimento, che va ad integrare e completare quanto già esposto, verrà dato particolare risalto alla sezione egizia con l’esposizione, tra gli altri importanti reperti, di un sarcofago femminile particolarmente raro e prezioso per la decorazione e denominato “La Signora delle Ninfee”.

Gli interventi previsti consistono nel restauro conservativo di tutte le murature in mattoni a vista di pareti e volte, riqualificazione funzionale, adeguamenti alla normativa vigente, opere varie edili e impiantistiche per l’eliminazione di tutte le tubazioni impiantistiche a vista con rifacimento e posizionamento sotto pavimento, Restauro conservativo reperti archeologici

“E’ un ulteriore intervento che permette di accrescere e consolidare la funzione attrattiva del Polo museale a livello locale e non solo – ha commentato il sindaco Maurizio Rasero – con lo scopo di potenziare la già ricca e qualificata offerta turistica astigiana”.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium