/ Agricoltura

Agricoltura | 01 giugno 2024, 07:33

L'invasione di cereali russi mette a rischio il comparto agricolo italiano: le considerazioni di Coldiretti Asti

La nuova misura UE sui dazi che partirà il 1 luglio, punta a frenare le importazioni e tutelare il reddito degli agricoltori

L'invasione di cereali russi mette a rischio il comparto agricolo italiano: le considerazioni di Coldiretti Asti

Nel solo 2023, l'incremento dei cereali importati dalla Russia si è attestato sul +1000%, provocando un effetto dirompente sul valore del prodotto e costringendo gli agricoltori a subire quotazioni al di sotto del livello dei costi di produzione (dati Centro Divuga). Più precisamente, quella dello scorso anno è stata una vera e propria invasione di grano duro russo per la pasta, con quasi mezzo milione di tonnellate nella sola Italia, che hanno determinato un abbattimento del prezzo del grano italiano fino al -60%. Questa condizione ha reso la coltivazione antieconomica, esponendo le aziende agricole al rischio di crack, e rischia di ripetersi nel 2024.

Per contrastare questa situazione, la nuova misura entrerà in vigore dal prossimo 1° luglio, inasprendo il valore dei dazi doganali richiesti: 95 euro a tonnellata per i cereali e 50% ad valorem per i semi oleosi e i prodotti derivati da una concentrazione del prodotto di base. Oggetto delle attenzioni UE sono, infatti, cereali, semi oleosi e prodotti derivati.

In Piemonte, le aziende cerealicole sono circa 26.000, di cui circa 1.200 nell'astigiano, interessando 229.000 ettari di superficie (oltre 11.000 nell'astigiano) e concorrendo a un fatturato regionale di 440 milioni di euro l'anno.

A gravare ulteriormente sul comparto è l'andamento climatico di questa insolita primavera. "Dopo due annate siccitose, abbiamo avuto più pioggia negli ultimi tre mesi che non nei 36 precedenti", spiega Felice Ferrero, componente Coldiretti Asti in seno alla Consulta Regionale Cerealicola. "Situazione che arreca disagi alle colture cerealicole, favorendo la diffusione di malattie fungine e comportando problematiche aggiunte anche in termini di tempestività nell'esecuzione dei lavori, con semine rallentate e col rischio di compattamento del terreno".

"Attraverso la Consulta Cerealicola Regionale, composta lo scorso aprile, proprio per arginare le problematiche di concorrenza sleale e quelle derivanti dai cambiamenti climatici, operiamo con l'obiettivo di recuperare la giusta remunerazione del prodotto cerealicolo", precisa Ferrero. "Inoltre, ci siamo proposti di definire contratti di coltivazione per ridistribuire i costi lungo l'intera filiera".

"La scelta dei ministri UE rappresenta un primo passo verso lo stop deciso alle importazioni sleali e va nella direzione della tutela del reddito degli agricoltori", apprezzano il presidente Coldiretti Asti Monica Monticone e il direttore Giovanni Rosso. "In Italia abbiamo disciplinari di produzione molto rigidi e, attraverso il principio di reciprocità e la revisione del codice doganale che Coldiretti e l'Italia chiedono all'Europa, potremmo finalmente garantire maggiore tutela al prodotto made in Italy e ai nostri agricoltori".

Un lodevole impegno per Coldiretti che può venir sostenuto anche dalla cittadinanza attraverso la raccolta firme da effettuarsi presso il Mercato Contadino di Campagna Amica (corso Alessandria 271) e negli uffici zonali di Coldiretti.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium