/ Sport

Sport | 28 settembre 2019, 12:11

Gianfranco Lotta, mister del Città di Asti racconta la sua decima stagione

Gianfranco Lotta, mister del Città di Asti racconta la sua decima stagione

Calmo serafico mai una parola scomposta o un comportamento sopra le righe eppure ha una longevità in panca di lungo corso, patentino allenatore preso e cinque promozioni in saccoccia, scusate se poco, a chi lo guarda dall’esterno può pensare a un Nils Liedholm redivivo in realtà Lotta ha nel suo cognome la forza per andare avanti ogni maledetto sabato. Quest’anno anche in un doppio ruolo in panca e organizzativo

Gianfranco questa stagione per te che numero è?

10 tutte intense e di esperienza

Ormai possiamo dirlo sei un veterano ?

I numeri sono dalla mia parte e direi proprio di si

Tante promozioni tante gioie ma si guarda sempre avanti ?

Certamente puntiamo sempre a fare meglio è nel gioco naturale delle cose e la società sta facendo squadra per raggiungere i propri obiettivi.

Qual è il segreto per durare a lungo nel mondo del futsal?

Lavorare con umiltà e costanza, crescere con la testa, imparare dai propri errori e capitalizzare al massimo l’esperienza.

Due stagioni da neo promosse con te allenatore in serie A2 un sesto posto con l'Astense e un quinto l'anno passato ma con la finale di coppa italia sei un predestinato?


Due esperienze diverse ma entrambe con ricordi indelebili e con risultati che hanno dato la sicurezza di potersela sempre giocare.

Quest'anno obiettivi?

Si cerca sempre di fare meglio o per le meno dobbiamo provarci.

Avete aumentato l'intensità degli allenamenti per avere tenuta migliore nel corso dell'anno?

Numericamente si, più ci si esercita piu è efficace la resa dei ragazzi nel corso della gara.

Tre acquisti di rilievo per dare peso e sostanza a un gruppo di astigiani doc ?

Abbiamo cercato di completare le varie partenze e soprattutto quella rilevante di Fortino, tre ragazzi che danno qualità ed esperienza.

Si riparte da Villorba campionato lungo vincerà chi farà meno errori?

Cosa saggia

La tua gioia più bella?

Poter realizzare il progetto con gli obbiettivi che ci siamo prefissati.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium