/ Cronaca

Cronaca | 22 novembre 2019, 08:56

Il comparto scuola di FLC CGIL CISL E SNALS CONFSAL esprime solidarietà al docente aggredito

In una nota stampa le Organizzazioni sindacali, nel deplorare l'accaduto, segnalano che un fatto così nell'Astigiano non si era mai verificato

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

 

Riceviamo e pubblichiamo una nota dei sindacati della Scuola FLC CGIL CISL E SNALS CONFSAL, a proposito dell'aggressione ad un insegnante avvenuta nei giorni scorsi.

È con profonda costernazione che abbiamo appreso dell’ennesimo, gravissimo episodio di violenza avvenuto, nei giorni scorsi, ai danni di un docente in servizio presso una scuola media del Comune di Asti.

Un incidente che ha scosso tutta la comunità scolastica, anche per l’assurda dinamica dello stesso. 

Il docente, infatti, è stato aggredito dal padre di un allievo a causa di una caduta accidentale del ragazzo avvenuta durante l’ora di scienze motorie. 

È inaccettabile che un lavoratore debba subire violenze, fisiche o psicologiche, a causa di un infortunio che, peraltro, non è dipeso né dal suo operato né da sua incuria. 

È nostra ferma intenzione - come OO.SS. - esprimere unitariamente la più sentita solidarietà al docente, professionista stimato e benvoluto da tutti, colleghi e famiglie, un collega impegnato nel normale svolgimento delle proprie funzioni, vittima di una vile aggressione da parte di un soggetto estraneo alla scuola.

Nel deplorare l’accaduto, teniamo a precisare che episodi del genere in Provincia di Asti non si sono mai verificati.

Condanniamo senza mezzi termini l’aggressione come atto inaspettato, essendo avvenuta in un luogo come la scuola che privilegia, invece, il dialogo, il confronto e il rispetto reciproco.

Ribadiamo che la scuola è luogo in cui si rafforza l’educazione che ogni persona riceve o dovrebbe ricevere in famiglia e che il ruolo del docente è quello di favorire la crescita di un individuo nella sua pienezza, sia come studente sia come cittadino di domani, conoscitore e fruitore della realtà che lo circonda. 

Nel manifestare tutta la nostra solidarietà al docente vittima di questo vergognoso atto di violenza, riteniamo importante evidenziare la necessità di un forte impegno culturale e politico affinché questi episodi non si ripetano ancora. 

Appare più che mai evidente che il nostro Paese ha bisogno di una nuova alleanza tra scuola e famiglia e di una chiara presa di posizione contro ogni episodio di violenza ai danni del personale educativo.

Restiamo in attesa delle decisioni che l’autorità giudiziaria vorrà assumere, ma ribadiamo la nostra richiesta di inasprimento delle pene contro gli aggressori del personale scolastico nell’esercizio delle proprie funzioni.  

FLC CGIL CISL E SNALS CONFSAL

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium