/ Cronaca

Cronaca | 13 ottobre 2020, 16:52

Convocato dai carabinieri per un atto vandalico, confessa l’omicidio della madre

La morte della donna, una 90enne con gravi problemi di salute, è avvenuta nel 2018 e non aveva destato alcun sospetto

Convocato dai carabinieri per un atto vandalico, confessa l’omicidio della madre

Possibile svolta nella ricostruzione degli ultimi minuti di vita di una 90enne, gravemente malata, deceduta nel 2018 a Piovà Massaia.

Il 14 agosto scorso il figlio della donna – un operaio 50enne, che era stato convocato dai carabinieri di Cocconato in relazione a un atto vandalico a danno dell'auto parcheggiata nei pressi di un distributore di benzina - ne ha confessato l’omidicio.

Il delitto, ha spiegato il reo confesso ai militari, sarebbe avvenuto nel corso di una nottata particolarmente complessa nella quale, prima di soffocare la donna con un cuscino, le avrebbe somministrato dei farmaci.

Ora la Procura di Asti ha disposto la riesumazione della salma della donna -tumulata nel cimitero di Berzano San Pietro, la cui morte all’epoca non aveva destato alcun sospetto - al fine di verificare la fondatezza delle dichiarazioni rese dall’operaio.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium