/ Attualità

Attualità | 20 ottobre 2020, 19:38

In Piemonte scuole superiori a distanza a settimane alterne, centri commerciali chiusi nel weekend

La nuova ordinanza conferma lo stop degli esercizi da mezzanotte alla cinque. Cirio: “Evitiamo così il lockdown generalizzato”. I sindaci potranno integrare con norme più stringenti

In Piemonte scuole superiori a distanza a settimane alterne, centri commerciali chiusi nel weekend

Da lunedì 26 ottobre le scuole del Piemonte dovranno attivare forme di didattica a distanza pari al 50%. È quanto confermato dal governatore Alberto Cirio rispetto alle decisioni assunte questa mattina dal Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica per l’applicazione regionale dell’ultimo Dpcm. Il provvedimento riguarda esclusivamente le scuole superiori dal secondo anno al quinto.

Vogliamo quindi - ha precisato il presidente - che la didattica in presenza sia garantita dalle elementari fino alla prima superiore. In classe avremo così la metà dei ragazzi, ma a settimane alterne. Potranno ad esempio iniziare, la prossima settimana, le classi seconda e terza a distanza, la quarta e la quinta in classe, e viceversa la settimana seguente. Ma ciascun istituto potrà decidere in autonomia come modulare l’alternanza”. 

Parliamo di ragazzi - ha aggiunto Cirio - che hanno un’eta tale da poter restare a casa da soli, senza i genitori. In questo modo garantiamo l’apertura totale delle scuole della regione e, cosa principale, avremo 75 mila ragazzi in meno in transito sui mezzi pubblici”.

Per quanto riguarda i centri commerciali, da questo weekend saranno completamente chiusi ogni sabato e domenica a eccezione dei negozi alimentari. “Una scelta dettata un po’ dalla volontà, in quanto luoghi di assembramento reale - ha sottolineato il governatore del Piemonte -, un po’ dalla vicinanza con la Lombardia, perché abbiamo le province di Novara, Vercelli e Verbania sui confini e rischieremmo l’invasione dei cittadini lombardi, che si sono già ritrovati con i centri chiusi”.

Confermata la chiusura degli esercizi commerciali da mezzanotte alle cinque del mattino, così come il divieto di vendita di alcolici da asporto dalle ore 21.

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium