/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 26 novembre 2020, 07:00

Serie A: Sorprese e conferme. Juve dove sei? Toro: Giampaolo già in bilico?

Dopo l'entusiasmante vittoria del girone di Nations League da parte degli Azzurri, l’Italia del pallone torna a concentrarsi su uno Scudetto che mai come quest’anno sembra essere alla portata di molte squadre.

Serie A: Sorprese e conferme. Juve dove sei? Toro: Giampaolo già in bilico?

Dopo l'entusiasmante vittoria del girone di Nations League da parte degli Azzurri, l'Italia del pallone torna a concentrarsi su uno Scudetto che mai come quest’anno sembra essere alla portata di molte squadre. La situazione, nel primo scorcio di campionato vede a sorpresa il Milan davanti a tutti, seguito da Sassuolo, Napoli, Roma e Juventus, partita con un passo più lento rispetto agli ultimi anni.

In questa stagione anomala, sono gli scommettitori quelli che ci stanno guadagnando di più. Approfittando dei vari bonus scommesse senza deposito, e delle quotazioni allettanti dovute all’elevato livello di competitività garantito dalle squadre fino a oggi, molti sono già riusciti a ottenere delle buone vincite.

Squadre al top

Dentro il campo regna per ora l’incertezza e sono molte le sorprese, positive e negative. Tra i segni più ci sono, senza dubbio, Milan e Sassuolo. I rossoneri, trascinati da Zlatan Ibrahimović, non perdono da marzo e il gruppo di mister Pioli è tornato a essere in testa, dove non era dal lontano 2012. Guarda caso, anche allora i rossoneri schieravano in attacco Ibra. Molto positivo pure l’avvio del Sassuolo: dopo l’ottavo posto della scorsa stagione, De Zerbi è ripartito alla grande trascinato dal duo Berardi-Locatelli capace di fare faville anche in Nazionale.

Le delusioni

Sul fronte delle delusioni, è evidente che le due squadre che l’anno scorso si sono contese lo Scudetto, Inter e Juventus, non sono dove i loro tifosi si sarebbero aspettati. L’Inter di Conte oggi è virtualmente fuori dalla zona Champions e pure in Europa sta zoppicando di fronte a un girone duro ma non impossibile. Più complessa la situazione in casa Juventus. Era prevedibile che il cambio in panchina, con l’arrivo del “deb” Andrea Pirlo, avrebbe portato a un necessario rodaggio. Nulla è compromesso: in campionato la vetta dista pochi punti e in Champions la qualificazione è quasi in tasca. A colpire è però una certa confusione tattica mostrata dai bianconeri. L’assenza forzata di Cristiano Ronaldo sicuramente ha inciso e, per Pirlo e i suoi, l’ultimo scorcio dell’anno sarà il momento della verità.

Delusione granata

Restando in Piemonte, difficile trovare qualcosa di positivo nell’avvio del Torino. Giampaolo, chiamato dal presidente Cairo per unire spettacolo e punti, ha iniziato come peggio non poteva: tre sconfitte di fila, contestazioni e polemiche a non finire. Novembre si è aperto con un timidissimo miglioramento, tra la vittoria contro il Genoa e il pari con il Crotone: due gare senza sconfitta sono un record per ora. È chiaro però che la rotta deve essere invertita, altrimenti sarà difficile per lui festeggiare il Capodanno sulla gloriosa panchina granata.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium