/ Cronaca

Cronaca | 23 novembre 2022, 21:10

L'ombra dei debiti dietro l'omicidio di Canelli e quella telefonata ai carabinieri: "Venite, ho ucciso mio figlio"

Piero Pesce, 61 anni, avrebbe accoltellato a morte il figlio Valerio, 28 anni, al culmine di una violenta lite. Il dramma oggi all'alba. Il corpo senza vita trovato in camera da letto. I vicini: "Persona schiva, ma mai dato problemi"

Valerio Pesce, vittima dell'omicidio

Valerio Pesce, vittima dell'omicidio

"Venite, ho ucciso mio figlio".

Erano le 9 del mattino di oggi, quando Piero Pesce, 61 anni, dipendente di un'azienda che produce macchine e prodotti per l'enologia, a Nizza Monferrato, ha chiamato i carabinieri per confessare l'omicidio del figlio Valerio, di appena 28 anni. 

Il delitto si è consumato nella casa dell'uomo, in pieno centro a Canelli, tra via Giovanni XXIII e viale Indipendenza, poco dopo l'alba.

Lo ha ucciso con diverse coltellate, in camera da letto

Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri di Asti, intervenuti sul posto insieme ai militari della Compagnia di Canelli, l'uomo avrebbe brandito un coltello al culmine di una lite con il figlio, colpendolo con numerose coltellate, in camera da letto.

Ed è proprio in camera da letto che i militari hanno trovato il corpo senza vita del giovane questa mattina.

L'ombra dei debiti

Dietro al tragico gesto, probabilmente, l'ombra dei debiti contratti dal figlio e l'ipotesi che potesse soffrire anche di ludopatia. Il ragazzo, dal 2017 e fino a poche settimane fa, aveva gestito una tabaccheria di Alba. Poi, pochi giorni fa, era apparso il cartello "chiuso per motivi di salute". Ipotesi che troverebbero conferma nella decisione del figlio di tornare a vivere a casa del padre.

La madre della vittima era morta da diversi anni. I due erano soli in casa

Al momento del delitto i due erano soli in casa: la madre della vittima, infatti, è morta da diversi anni e il padre viveva da solo nell'appartamento di Canelli.

Qualche vociare e le urla di aiuto

Nello stabile in cui si trova anche l'appartamento di Pesce, in cui è avvenuta la tragedia, c'è silenzio. I vicini sono increduli: parlano di un uomo piuttosto schivo, ma che non aveva mai dato problemi a nessuno.

C'è chi racconta di aver sentito urla e richieste di aiuto questa mattina e chi un vociare già dalla sera precedente: ma nulla di più.

L'uomo è stato arrestato questa mattina dai carabinieri e portato in caserma a Canelli. A lungo interrogato dal pm Stefano Cotti del tribunale di Asti e difeso dall'avvocato nicese Giovanna Balestrino, è stato poi portato in carcere. 

Sarà l'autopsia disposta sul corpo della giovane vittima a fornire un quadro completo della drammatica vicenda.

Sui social sono molti i messaggi di cordoglio da parte delle persone che avevano conosciuto Valerio. Tra questi, spicca il ricordo di Maria Cristina: "Ciao Valerio, Ti ricorderò per sempre come eri alle medie, un ragazzo serio, studioso, con tutta una vita davanti a te. Rip".

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium