/ Attualità

Attualità | 27 novembre 2022, 18:58

Asti, le donne dell'Anpi applaudono il Comune: "Giusto intitolare i portici di piazza San Secondo alle Madri Costituenti"

"Anche se nella vulgata corrente si parla di solo di Padri Costituenti, nell’Assemblea che promulgò la nostra Costituzione erano presenti e operanti 21 donne"

Le donne dell'Anpi applaudono la scelta del Comune su piazza San Secondo

Le donne dell'Anpi applaudono la scelta del Comune su piazza San Secondo

Le donne dell’Anpi di Asti apprezzano la bella iniziativa del Comune: l’intitolazione dei portici di Piazza San Secondo (fronte Collegiata) alle Madri Costituenti della Repubblica Italiana. 

"Anche se nella vulgata corrente si parla di solo di Padri Costituenti, nell’Assemblea che promulgò la nostra Costituzione erano presenti e operanti 21 donne", viene sottolineato. "Il loro peso specifico fu enorme, perché erano pochissime in proporzione al grande apporto che le donne diedero alla Resistenza. Nessuna di loro era lì ‘per caso’: ovviamente erano state elette ma è ancor più significativo che fossero state candidate, nonostante le resistenze culturali dell’epoca. Se lo furono, ciò si deve all’indiscusso ruolo che esse – tutte - ebbero nella Resistenza e nell’antifascismo, dall’impegno in politica all’attività nel sindacato e nell’associazionismo". 

Le 21 Madri Costituenti si trovarono dunque a rappresentare metà della popolazione e a garantire che la nascente democrazia fosse da subito rispettosa dell’uguaglianza di genere. "Si deve al loro lavoro se la nostra Costituzione è stata - ed è tuttora - un faro in tema di inclusività sociale", fanno notare le donne dell'Anpi di Asti. "Tutte le successive leggi che hanno consentito il pieno inserimento delle donne nella vita pubblica hanno trovato solide fondamenta in quello che le Madri fecero scrivere. E seppero lavorare in sinergia tra di loro, al di là delle diverse appartenenze politiche, ponendo in atto quella virtuosa collaborazione che le donne sanno esprimere quando si occupano del bene comune".  

Viene evidenziato come la nostra Costituzione sia talmente avanzata che, ancor oggi, si presenta in molte sue parti come un progetto, un lavoro in itinere più che un lavoro compiuto. "Così è anche per quanto attiene alla piena uguaglianza di genere. Significativamente, la titolazione alle Madri Costituenti è avvenuta il 25 novembre, la Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne, una piaga niente affatto sconfitta", aggiungono le donne dell'Anpi di Asti. 

"E’ importantissimo, per dare forza alle giovani donne di oggi, che siano ricordate le donne di ieri, quelle che seppero essere forti e importanti e con ruoli significativi a dispetto di tutte le difficoltà. Anche in questo modo si contribuisce a modificare un immaginario collettivo che continua ad insistere sulla presunta ‘debolezza’ di chi invece è l’anello forte della società, come limpidamente appare in tutti i momenti difficili, compresa la recente pandemia. E’ pertanto assai positivo che le nostre città rechino visivamente, nei nomi dei luoghi, la memoria di queste nostre antenate", conclude la nota delle donne dell'Anpi, che ringrazia il Comune, la Commissione Comunale per le Pari Opportunità e l’Associazione Toponomastica Femminile "per aver reso il giusto onore alle Madri della nostra Repubblica".

comunicato stampa


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium