/ Sport

Sport | 29 novembre 2022, 14:50

L’Aics Asti “festeggia” i 50 anni dalla fondazione

Evento ricordato, sabato, nell’ambito di un incontro svoltosi presso l’Archivio storico del Comune di Asti

Alcune immagini del convegno AICS (le restanti, a fine articolo)

Alcune immagini del convegno AICS (le restanti, a fine articolo)

Erano le ultime settimane del 1972, quindi esattamente 50 anni fa, quando un gruppo di astigiani appassionati di sport – capitanati da Leonardo Cendola, l’uomo che era stato protagonista della rinascita dello sport astigiano nel dopoguerra – dava vita anche ad Asti (a livello nazionale la cosa era avvenuta una decina di anni prima) all’Aics, oggi nota come Associazione Italiana Cultura e Sport, presieduta dal professor Giorgio Galvagno.

L’importante evento, che segnò in modo profondo lo sviluppo dell’attività sportiva amatoriale nell’Astigiano negli anni successivi, è stato ricordato sabato scorso, 26 novembre, nell’ambito di un incontro svoltosi presso il Salone della Conferenze dell’Archivio storico del Comune di Asti a Palazzo Mazzola.

Moderati da Silvia Musso, vi hanno partecipato il presidente nazionale Bruno Molea (in videoconferenza), la presidente Aics Asti Susanna Ponzone, il presidente regionale Michele Orlandella, il sindaco di Asti Maurizio Rasero, il consigliere comunale Walter Rizzo, la delegata CONI di Asti Lavinia Saracco, il presidente onorario Aics Asti Giuseppe Barla, il giornalista Paolo Monticone, l'ex presidente e membro della Direzione Nazionale Aics Giuseppe Inquartana.

Durante la mattinata è stata presentata una brochure che ha ripercorso questi 50 anni di attività e si è potuto riflettere, grazie agli interventi degli ospiti, sul tema del ruolo delle organizzazioni sportive del Terzo Settore nel terzo Millennio.

“Il mondo dello sport ha dovuto attraversare non poche burrasche negli ultimi anni, dalle riforme amministrative al Covid, ma Aics è sempre stata a fianco dei suoi circoli affiliati conscia dell'importanza della promozione dell'attività sportiva di base, come leva di promozione sociale”, hanno evidenziato in diverse occasioni i relatori.

Più volte è stato ricordato il cavalier Cendola, fondatore dell'Aics ad Asti e personaggio essenziale per l'intero territorio astigiano. Grazie alla sua lungimiranza, Asti ha potuto avere un campo sportivo, una piscina, un palazzetto. Da lui abbiamo imparato che bisogna unire visione e concretezza, utopia e progettualità. Continuiamo a lavorare sulla scia dei suoi insegnamenti a fianco dei nostri circoli e per la diffusione dello sport di base in tutta la nostra provincia” ha concluso Ponzone lanciando, proprio in questa ottica, un evento aperto a tutta la cittadinanza.

Sabato 10 dicembre si terrà infatti al Palazzetto dello Sport (via Gerbi 20) una giornata improntata sul benessere: “Open Fitness and Wellness”. Si terranno lezioni aperte e gratuite secondo il seguente programma:

15-16 Danze popolari internazionali a cura di Luna Fecchio-Aironebio;

16 - 17 Fitness musicale a cura di Valentina Russo-Alterego;

17 - 18 Taiji a cura di Marinella Conti Aironebio;

18 - 19 Biodanza esperienza oceanica a cura delle facilitatrici di Airone-Bio

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium