/ Il Punto di Beppe Gandolfo

Il Punto di Beppe Gandolfo | 02 ottobre 2023, 07:00

Che bello, un'altra pista per il bob

"Nel 2006 a Cesana fu realizzata la pista di ghiaccio per le gare di bob e slittino. Un’opera faraonica mai più usata dopo le gare delle Olimpiadi"

Che bello, un'altra pista per il bob

L’Italia sembra non imparare mai dagli errori o dalle sciagure del passato. L’alluvione colpì Firenze nel 1966, sono passati quasi 60 anni ed è cambiato poco o nulla. Ogni volta che piove, da qualsiasi parte nel nostro Paese, si registrano ingenti danni, spesso – purtroppo – anche vittime. La lezione di allora pare non abbia insegnato niente. E gli esempi potrebbero continuare, a iosa.

Ma soffermiamoci su un caso più recente e che ci tocca da vicino. Nel 2006 a Cesana fu realizzata la pista di ghiaccio per le gare di bob e slittino. Un’opera faraonica assolutamente mai più usata dopo le gare delle Olimpiadi.

Uno scempio nel cuore delle Alpi piemontesi, una vera cattedrale nel deserto. Ebbene a Cortina, in previsione dei Giochi del 2026, hanno intenzione di costruirne un’altra, costo 120 milioni di euro. A nulla è servita l’offerta del Piemonte di usare la nostra: offerta, anzi, respinta con sdegno, ce ne costruiamo una noi. A quel punto la popolazione è insorta, sono nati numerosi comitati spontanei di protesta. E allora si pensa di chiedere ospitalità a Innsbruck, in Austria, o addirittura a Pechino. 

Una follia.

O meglio una vera e propria speculazione edilizia, come quella che fu fatta, 18 anni fa, nelle nostre valli. La pista di Cesana è là, grigia e tetra sotto il sole e la pioggia, a ricordarci l’errore madornale compiuto. Gli atleti che utilizzano quell’impianto costosissimo da realizzare (e soprattutto da mantenere)  sono in tutto una cinquantina - tra bob, slittino e skeleton – ma a Cortina lo vogliono fare ugualmente, con enorme sfregio all’ambiente, alla montagna, al risparmio energetico e spreco di denaro.

Cosa può indurre un amministratore a respingere l’offerta del Piemonte e a intestardirsi nel voler spendere soldi pubblici per una pista che alla chiusura dei Giochi sarà solo una colata di cemento fra le meravigliose Dolomiti? Dispettucci e ripicche politiche? Non riesco davvero a capirlo.

Sarebbe assai più logico riprendere i contatti con il Piemonte o tentare un accordo con l’Austria?

Appunto sarebbe più logico, ma in certi ambienti la logica pare proprio non abitare.

Beppe Gandolfo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium