/ Sanità

Sanità | 04 ottobre 2023, 07:19

"Professionisti sì, missionari no": gli infermieri del Nursind replicano alle affermazioni fatte all'apertura anno academico

Il segretario territoriale Montana: "Nel nostro Paese la professione infermieristica è diventata scarsamente appetibile. Lo stipendio medio è al di sotto della media"

"Professionisti sì, missionari no": gli infermieri del Nursind replicano alle affermazioni fatte all'apertura anno academico

"La professione infermieristica è una missione". L'affermazione fatta qualche giorno fa dai relatori all'apertura dell'anno accademico della facoltà di Infermieristica dell'università di Torino, sede di Asti, ha innescato una riflessione all'interno del NurSind, sindacato degli infermieri che hanno inviato una nota.

"I  relatori dell’incontro hanno sottolineato l'importanza della collaborazione tra l'ambito universitario e il settore sanitario territoriale, sottolineando poi come 'La professione infermieristica sia una vocazione', spronando le nuove matricole a credere nel cammino che hanno intrapreso".

Secondo il Nursind però, un conto è vivere l'infermieristica da dietro una scrivania, mentre tutt’altra cosa è viverla ogni giorno in prima linea. "Già, perché la nostra professione non è una vocazione. Non lo è in nessun modo, a nessun livello e da nessun punto di vista. La professione infermieristica è, appunto, una professione e, in quanto tale, trova il proprio motore e la propria definizione nella formazione, nella competenza, nel saper fare, quindi si realizza nella capacità di applicare il proprio bagaglio conoscitivo ed esperienziale nel rispetto del codice deontologico che, da solo, offre tutto quello di cui l'infermiere necessita per applicare virtuosamente il proprio sapere".

Una riflessione a tutto tondo sulla professione così preziosa nella sanità.

"Qualcuno, ancora oggi, scrive il Nursind, ritiene evidentemente che per mantenere l'infermiere legato alla propria deontologia questo strumento non basti, così si arroga il diritto di affiancare a questo ruolo concetti come 'umiltà', 'forza', 'compassione' e, appunto, vocazione', impedendogli quindi (di fatto) di imporsi come professionista e consegnarlo ad un'immagine popolare del benevolo servitore, del caritatevole tuttofare e del sorridente garzone. Ma la nostra non è una vocazione è consapevolezza".

“Attualmente, quantomeno nel nostro Paese – sottolinea Gabriele Montana, segretario territoriale NurSind Asti la professione infermieristica è diventata scarsamente appetibile, basti pensare al numero di candidati presentatosi al test di ingresso per accedere alla facoltà dedicata (inferiore al numero di posti disponibili), e a quanti professionisti dell’assistenza decidono di emigrare all’estero dove godono di maggior riconoscenza e stipendi superiori. Ricordiamo _ infatti che lo stipendio medio di un infermiere italiano si colloca al di sotto della media europea, cioè è inferiore a quanto percepito mediamente dagli stessi colleghi che operano in altri Paesi dell’Ue”.

Montana rincara la dose: "Forse il fatto di chiamarci missionari renderà più appetibile la professione? Questi signori che ci appellano tali non reputandoci, quindi, professionisti, sono forse convinti di affollare in questo modo le aule della facoltà di infermieristica? E’ così che vogliono stimolare i giovani, farli avvicinare alla professione e renderli consapevoli di quel che comporta davvero essere un infermiere? Come si può pretendere un maggior rispetto da parte dell’utenza, una maggior riconoscenza per le nostre competenze/conoscenze frutto, non dimentichiamolo, di un bagaglio culturale che comporta tre anni di formazione universitaria e un costante aggiornamento? Come possiamo avere maggiore rispetto da parte dell’utenza, ma anche da parte degli organi ufficiali che si occupano (da dietro una scrivania) di decidere quanto merita di guadagnare un infermiere? Sicuramente troppo poco se mettiamo sull’ago della bilancia le responsabilità dietro questa professione. Ma, in fondo, se ci vogliono missionari, è già tanto che non ci chiedano di lavorare gratis. Dispiace poi, ancor di più, apprendere che certe affermazioni siano condivise da chi ha la responsabilità, l’onere e l’onore di occuparsi della formazione dei futuri infermieri, ovvero il presidente della facoltà astigiana e da chi ha il compito e il dovere, invece, di tutelare gli esercenti la professione, ovvero l’ordine professionale locale. A tal proposito, auspichiamo in una rettifica da parte loro e in una disamina competente sugli appellativi: 'vocazione e professionisti'. Ancora una volta, si afferma da parte nostra, l’estrema convinzione che di infermieristica sarebbe opportuno che ne parlasse prevalentemente chi davvero la vive in prima persona da protagonista tutti i giorni, e non chi la osserva da tempo, ormai, o da sempre, da dietro una scrivania. 

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium