/ Solidarietà

Solidarietà | 20 novembre 2023, 17:09

“Il No che unisce”: ad Asti un evento dedicato alla cultura del rispetto nei luoghi di lavoro

Appuntamento venerdì 24 novembre, alle ore 9.30 presso il Salone Convegni della Camera di Commercio

“Il No che unisce”: ad Asti un evento dedicato alla cultura del rispetto nei luoghi di lavoro

 

Venerdì 24 novembre, alle ore 9.30 presso il Salone Convegni della Camera di Commercio – Sede di Asti, si terrà l’evento dal titolo: “Il No Che Unisce! La FIM Cisl per una cultura di rispetto a partire dai luoghi di lavoro”. Il meeting, organizzato dalla FIM Cisl Piemonte, costituisce il primo atto concreto di un percorso finalizzato a diffondere e condividere i principi di uguaglianza, di pari opportunità e di non discriminazione nei luoghi di lavoro, in particolare tra donne e uomini, con l’obiettivo di prevenire e/o ridurre l’incidenza dei casi di molestie e violenza sul lavoro.

Il convegno mira a fornire spunti di riflessione e di approfondimento sul tema in oggetto, anche attraverso l’evidenziazione di casi concreti e tipologie ricorrenti, allo scopo di delineare un quadro complessivo del fenomeno e delle possibili azioni che si possono mettere in atto per contrastarlo.

La mattinata si comporrà di diversi momenti tra letture, riflessioni e interventi tenuti dai diversi relatori presenti al dibattito, provenienti dal mondo istituzionale, sindacale e dell’associazionismo, tra cui:

  • Tino Camerano – Segretario Generale FIM Cisl Piemonte
  • Paola Eusebietti – Segretaria FIM Cisl Piemonte
  • Sara Satragni – Vice Ispettore della Questura di Asti, responsabile sezione minori e vittime vulnerabili
  • Laura Nosenzo - Giornalista e scrittrice, ideatrice del Progetto SOS donna
  • Alberto Mossino - Presidente dell’Associazione Piam di Asti
  • Davide Arri - Vicepresidente Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Asti e componente la Camera Penale ‘Vittorio Chiusano’ Asti
  • Giovanna Petrasso – Segretaria Organizzativa FIM Cisl Nazionale

"La FIM Cisl Piemonte è fermamente convinta che sia soprattutto grazie a sinergie come questa, tra mondo delle istituzioni, delle imprese e delle associazioni, unitamente ad un coinvolgimento crescente dei media e dell’opinione pubblica che si possa progredire nella costruzione della consapevolezza e conoscenza sul tema. Con particolare riferimento nel riconoscere come inaccettabili, denunciandoli quindi, tutti quei reiterati comportamenti fastidiosi meno eclatanti della violenza fisica, ma non per questo meno dannosi, che in tanti - troppi - ancora sottovalutano.

E per finire nella prevenzione della violenza fisica, verbale, psicologica vera e propria; problema che ha una radice culturale e di mentalità che va sconfitta" spiegano gli organizzatori. 

Una giornata di informazione e formazione rivolta specificatamente al gruppo dirigente della FIM Piemonte: una formazione volta all’educazione, alla sensibilizzazione, al riconoscimento della violenza, anche quella più subdola e all’ottenimento delle pari opportunità in ogni ambito della vita pubblica come privata, per combattere discriminazioni, stereotipi legati ai ruoli di genere, al sessismo e la violenza contro le donne e i soggetti più deboli.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium