/ Solidarietà

Solidarietà | 24 novembre 2023, 08:39

Il Comune di Villafranca sostiene il numero antiviolenza e stalking 1522

Da domani, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, verranno distribuiti in paese volantini informativi

Nell'immagine, da sinistra a destra: Delfina Noto, Anna Rabino e Anna Macchia alla mostra "Non crederci!" ospitata in Sala Bordone

Nell'immagine, da sinistra a destra: Delfina Noto, Anna Rabino e Anna Macchia alla mostra "Non crederci!" ospitata in Sala Bordone

Il Comune di Villafranca ha chiesto, per tramite del Progetto SOS Donna con cui l’Amministrazione collabora da tempo, di mettere a disposizione locandine che promuovono il numero antiviolenza 1522, con l’obiettivo di consegnarle in varie importanti contesti del paese.

Pertanto verranno consegnate in farmacia, allo studio medico associato, alla Casa della Salute dell'Asl AT, all'Istituto Comprensivo, dove le terze classi della secondaria di primo grado hanno di recente compilato il questionario di SOS donna (progetto curato dall'Associazione Mani Colorate) su violenza di genere e luoghi comuni, alla casa di riposo Santanera per informare il personale e i famigliari degli ospiti, all'oratorio parrocchiale.

Le locandine verranno distribuite anche nelle strutture comunali (Municipio, Biblioteca Civica Paolo Luotto, Sara Bordone), mentre già compaiono nella vetrina della sede del Cpia in via Roma, a due passi da Palazzo Civico: è segnalato anche il sito web sos-donna.it che descrive i servizi attivi sul territorio astigiano a sostegno delle donne che subiscono abusi.

Rendendo così operativa l’idea nata nella delegazione femminile dell’Amministrazione villafranchese: oltre al primo cittadino, il vicesindaco Anna Rabino e l'assessore alla Cultura Delfina Noto.

“E’ importante che le donne vittime di violenza memorizzino il numero di telefono attraverso cui chiedere aiuto – ha affermato il sindaco Macchia – Senza dimenticare l'altro numero di emergenza, il 112: sono indicazioni che ogni donna dovrebbe avere sempre con sé”.

“Con questa iniziativa - conclude il sindaco Macchia - facciamo rete e continuiamo nelle azioni di sensibilizzazione contro la violenza di genere che nei mesi scorsi ci ha portato a ospitare in Sala Bordone la mostra 'Non crederci! Se ti tratta male e poi ti dice: non lo farò più...", a organizzare una lettura di versi composti da poetesse di tutti i tempi e a progettare la futura Piazza delle donne che nascerà davanti al Municipio".

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium