/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 05 febbraio 2024, 10:22

Edizione da record per l'emozionante presepe di Anna Rosa Nicola nell'Abbazia di Vezzolano. Superati i 15mila visitatori [FOTO E VIDEO]

Ultimo giorno ieri per l'opera d'arte che presto avrà la sua esposizione permanente ad Aramengo con sala didattica ed espositiva

Edizione da record per l'emozionante presepe di Anna Rosa Nicola nell'Abbazia di Vezzolano. Superati i 15mila visitatori [FOTO E VIDEO]

Sono stati ben 15.682 i visitatori che dall'8 dicembre scorso, fino a ieri, 4 febbraio, hanno potuto godere della meravigliosa opera che ogni anno, da 11 anni, rinnova la sua bellezza nell'Abbazia di Vezzolano.

Un'opera d'arte all'interno di una cornice splendida, l'edificio religioso in stile romanico e gotico, tra i più importanti monumenti medievali del Piemonte.

Una crescita esponenziale e tra due anni l'esposizione permanente

L'edizione 2023 si attestò sugli 11.190 visitatori. 4492 visitatori in più quest'anno, la conferma che l'estremo valore dell'opera richiama ammiratori da ogni angolo della regione e non solo.

Una storia che diventerà futuro con il coronamento del sogno dell'artista, Anna Rosa Nicola che riuscirà a rendere permanente la sua esposizione con la ristrutturazione di un rustico ad Aramengo con sala didattica ed espositiva, proprio di fronte al laboratorio "Nicola restauri".

 

Nuovi personaggi e nuovi mestieri

Il presepe lungo una ventina di metri si allunga sempre un po' e dà vita a nuovi mestieri e nuovi personaggi che Anna Rosa, non solo cura in ogni dettaglio ma è sempre alla scoperta di nuove ispirazioni e nuovi materiali, come documenta la sua pagina Facebook

 

La storia del Presepe nasce da lontano

Questa storia di bellezza, creatività, lavoro e passione,  nasce dal papà di Anna Rosa, Guido Nicola e da mamma Maria Rosa di Aramengo famosi restauratori.

L'intervista realizzata lo scorso anno

 

Da ogni materiale nasce un'opera d'arte

I materiali per realizzare il presepe sono infiniti: dalle scatolette per il cibo di animali o vaschette per frutta, lampadine, piedini per le sedie, minuscoli coprivite,  contenitori di collirio monodose, lana, legno, ferro, stoffa, tappini, polistirene, creta e centinaia di materiali di riciclo difficile da immaginare.

E poi la cera, cera che l'artista modella creando minuscola frutta, dolci, pentole fumanti, acqua che bolle, olive che scorrono fino a creare un olio perfetto, botteghe dai mille mestieri. Personaggi che spuntano dalle finestre e particolari che si rinnovano a ogni giro (se ne consigliano tre o quattro).

Quest'anno, tra le tante novità anche un lago con pescatori dove si creano i "mulinelli" del pesce che abbocca, un venditore di ghiaccio e piante grasse. Una magia senza pari per la cinquantina (superata) di mestieri e quasi 400 personaggi.

 

 

Un'eccellenza donata a tutti

Un’eccellenza astigiana, piemontese europea che ogni anno dà vita a nuovi personaggi e ambienti. Il tutto a ingresso gratuito.

 

"Grazie a tutti"

A collaborare al presepe ‘La Cabalesta’ di Castelnuovo don Bosco e ‘InCollina’ di Albugnano con la direzione regionale Musei Piemonte.

Anna Rosa ringrazia anche il marito Nicola Pisano: "Che da sempre mi sopporta e supporta e con tutti i volontari de La Cabalesta, di TurismoIn Collina e della Direzione regionale Musei Piemonte che hanno, con grande dedizione, impegno e fatica accolto i tanti visitatori. Grazie davvero a tutti".

Al prossimo anno!

Betty Martinelli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium