/ Scuola

Scuola | 09 aprile 2024, 17:27

La voce... Delle scuole: inaugurata nella succursale del Monti la mostra "Gli Albi del sottosopra" [FOTOGALLERY]

Nella sede Cpia di Nizza, per il terzo anno, si tiene il Corso di lingua e cultura giapponese. Torna "La scuola in cantiere

Galleria fotografica a cura di MerfePhoto

Galleria fotografica a cura di MerfePhoto

La scuola in cantiere

L'Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Asti incontra le scuole nell'ambito del P.C.T.O. (Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento).

Il progetto dell'istituto Alfieri si intitola "La scuola in cantiere", in collaborazione con Cfs Asti (Ente Unico per la Formazione e la Sicurezza).

Oggi, martedì la presentazione nella sede dell'Ordine in piazza Goria 1.

Il progetto è rivolto ai ragazzi delle classi di terza, quarta e quinta di poter approfondire, direttamente in cantiere, gli argomenti teorici affrontati in classe relativamente alle varie discipline inerenti le costruzioni. "L’occasione di poter constatare direttamente in cantiere la “genesi” del manufatto architettonico dovrebbe risultare, oltre che interessante, anche istruttiva sia come spunto di approfondimento della materia stessa, sia per ampliare lo spettro delle valutazioni necessarie allo studente per delineare il suo futuro percorso didattico", spiegano gli organizzatori.

Il 10, 18 e 23 aprile si terranno le visite in cantiere.

Christian Raimo ha presentato all'Alfieri il suo libro-indagine sull'omicidio di Willy Monteiro Duarte

Nei giorni scorsi l’Aula Magna dell’IIS “V. Alfieri” ha avuto l’onore di ospitare il docente e giornalista Christian Raimo che ha presentato il suo libro Willy. Una storia di ragazzi edito da Rizzoli nel 2023. Ad introdurre il suo intervento è stata la prof.ssa Paola Bombaci, docente di Lettere, latino e greco presso il Liceo Classico “V. Alfieri” e presidente dell’A.M.A., Associazione nell’ambito di un cui progetto si colloca l’intervento di Christian Raimo che la stessa sera del 6 aprile ha presentato presso il FuoriLuogo di Asti altri due suoi libri, Lettera alla scuola e L’ultima ora. Scuola, democrazia, utopia.

Alla prof.ssa Alice Diacono, docente di Lettere presso l’IIS “V. Alfieri”, è stato affidato il compito di moderare l’incontro tra Christian Raimo e i docenti e gli studenti dell’Istituto Alfieri, un compito che ha svolto nel migliore dei modi non soltanto ponendo domande all’autore relativamente ai motivi che lo hanno spinto alla scrittura del libro e alle conclusioni cui è arrivato nel corso di quella che è diventata una vera indagine sul caso di Willy Monteiro Duarte, barbaramente ucciso a calci e pugni nella notte del 6 settembre 2020, ma fornendo al pubblico e proponendo a Christian Raimo spunti di riflessione sui problemi sociali dei giovani nella provincia italiana.

Il volume di Christian Raimo nasce dunque dal desiderio dell’autore che – ammette – la sera del 6 settembre 2020 si sarebbe dovuto trovare proprio sul posto in cui è avvenuto l’omicidio del giovane Willy, di capire il motivo per cui due giovani con la complicità di altri due amici, nell’arco di poco più di un minuto e per motivi assolutamente futili, hanno ucciso un ragazzo che neanche conoscevano e che probabilmente si era limitato a difendere un amico accusato di avere molestato con un apprezzamento una ragazza. Una storia di violenza, ma anche e soprattutto di disagio maturati a Colleferro, comune della Città metropolitana di Roma, in una società che ha poco da offrire ai giovani. L’inchiesta condotta per tre anni da Raimo insieme al giornalista Alessandro Coltré si è nutrita di interviste ai familiari e agli amici dei ragazzi coinvolti nel tentativo di cogliere i motivi che hanno spinto al massacro.

Una studentessa del Liceo Classico alla fine dell’intervento di Raimo ha chiesto se ci sia un finale nella vicenda: «Bella domanda», ha risposto lo scrittore, aggiungendo che suo obiettivo sarebbe riprendere in mano questa vicenda tra qualche anno per raccontarla dal punto di vista dei fratelli Gabriele e Marco Bianchi, giudicati responsabili dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte.

(testo a cura della professoressa Cinzia Zenzon).

Nella sede Cpia di Nizza, per il terzo anno consecutivo, si tiene il Corso di lingua e cultura giapponese. 

I 16 partecipanti, guidati dalla competenza e dalla passione della docente Midori Kondo, stanno conoscendo sempre meglio questa affascinante cultura e, grazie alla partecipazione volontaria del figlio della professoressa, Massimiliano, perfettamente bilingue, quest’anno il corso ha potuto offrire due livelli di apprendimento: base e intermedio.

 Ci si può iscrivere per il prossimo anno in viale Don Bosco 36 a Nizza Monferrato. Oltre al corso di giapponese, si tengono diversi corsi come arte, lingua inglese, lingua spagnola, lingua francese, corso di fotografia. 

Al Cpia i corsi si attivano nel momento in cui c’è un numero minimo di 10 persone interessate. L’iscrizione non è vincolante ed è gratuita e a inizio corso viene proposto un contributo libero e volontario.

La succursale del Monti ha presentato la mostra/evento "Gli Albi di Sottosopra: una collana dalla parte delle bambine e dei bambini"

Lunedì 8 aprile alle ore 9.45, presso la succursale dell’Istituto Monti di Asti, in Via Gabiani 30, si è inaugurata la Mostra/evento "Gli Albi di Sottosopra: una collana dalla parte delle bambine e dei bambini", che resterà esposta fino al 7 Giugno.

L'iniziativa è rivolta alle classi dell'ultimo anno della Scuola dell'Infanzia e al primo ciclo della scuola Primaria ed è inserita nelle proposte educative alle scuole della Città di Asti. Il progetto è stato ideato e organizzato grazie alla collaborazione tra Biblioteca Astense Giorgio Faletti, Genitorinsieme Odv, il Liceo Monti di Asti e la casa editrice Giralangolo. Sarà presente ad inaugurare la mostra il Dirigente scolastico dell'Istituto Monti, dottor Giorgio Marino.

Prendendo spunto dalle 67 tavole tratte dagli albi illustrati della collana "Sottosopra" (EDT - Giralangolo edizioni), le studentesse e gli studenti dell'Istituto Monti accoglieranno le classi, le guideranno nella visita e proporranno laboratori per valorizzare il rispetto, la parità di genere, la libertà e la fantasia. Le attività proposte sono completamente pensate e realizzate da loro stessi per l'occasione, con il supporto delle docenti Lia Rosso e Maurizia Branda. Saranno anche proposte letture a tema a cura delle volontarie del progetto "Nati Per Leggere" della Biblioteca Astense.

La collana Sottosopra (EDT-Giralangolo edizioni) nasce nel 2014 e si rivolge ai piccoli lettori con un semplice ma ambizioso obiettivo: allargare gli orizzonti delle nuove generazioni al di là di ogni stereotipo, offrendo un ventaglio quanto più ampio possibile di modelli a cui attingere per strutturare la propria identità di genere e per costruire un proprio personale progetto di vita.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium