/ Eventi

Eventi | 15 maggio 2024, 10:26

Il medico pittore astigiano Paolo Viola espone a Villa Giulia a Verbania

"Porterò le suggestioni degli orti astigiani, un argomento a cui tengo moltissimo" spiega l'artista.

Alcuni lavori in esposizione

Alcuni lavori in esposizione

Nuova esposizione per il medico pittore astigiano Paolo Viola,  sarà a Villa Giulia a Verbania, inaugurazione mercoledì 22 maggio, in una prestigiosa mostra di arte contemporanea dal titolo "Le Stanze delle Meraviglie". 

"Porterò le suggestioni degli orti astigiani, un argomento a cui tengo moltissimo" spiega l'artista. 

Paolo Viola nasce a Napoli il 27 gennaio del 1957. Nel 1974 inizia a frequentare lo studio di Nicola Tota, pittore salernitano, dove apprende
i concetti fondamentali della tecnica pittorica imparando ad usare il colore in modo espressivo e, nel 1976, effettua la sua prima Personale a Salerno dove riscuote un grande successo di pubblico Laureatosi in Medicina e chirurgia si trasferisce ad Asti nel 1987 dove inizia a prestare servizio presso l’Azienda Sanitaria Locale mantenendo tuttavia sempre un rapporto intenso e costante con la pittura, sua grande passione.

Il genere artistico di Paolo Viola è il Figurativo declinato in modo espressivo con un uso tonale del colore. I suoi ultimi lavori, frutto di una meditata progettazione, sono caratterizzati da supporti di forma e numero diversi, funzionali alla scomposizione del consueto schema pittorico e finalizzati ad un'articolazione delle volumetrie più ampia e complessa. L’opera risultante non ha mai caratteristiche statiche ma di una vera e propria suggestione scenografica. 

La tecnica compositiva consiste nella costruzione di una superficie di lavoro molto particolare, dove la tela originaria è modificata attraverso l'accostamento di più tele o mediante l’uso e la sovrapposizione di pannelli intagliati. La forma che ne scaturisce è sempre funzionale all’immagine dipinta, ne esalta la presenza e il rilievo degli elementi caratterizzanti e li evidenzia ponendoli su piani diversi. A queste strutture inoltre si aggiungono nello spazio esterno sagome raffiguranti personaggi, perlopiù bambini, che si muovono in un ambiente tridimensionale, creando con gli sguardi dialoghi e racconti tra le varie figure presenti. 

La finalità è quella di aprire un canale comunicativo tra l'opera e il fruitore. L'osservatore è invitato ad entrare in questo spazio, a venirne inglobato e a perdervisi, al di là dell'immaginazione.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium