/ Scuola

Scuola | 21 maggio 2024, 17:32

La voce... Delle scuole: Aperiscienza con il Monti di Asti, Itinera, scacchi, saggi e molto altro nella rubrica di questa settimana

A Motta, in occasione del Senza Zaino Day, i genitori sono tornati alunni per un giorno. "Grease" al Teatro Alfieri con la San Domenico Savio e il liceo artistico

Alcuni bambini e genitori a Motta al Senza zaino day

Alcuni bambini e genitori a Motta al Senza zaino day

Venerdì 24 e sabato 25 maggio le vie del centro di Asti – e non solo – saranno il teatro della prima edizione di “Aperiscienza – Assaggi di sapere”, una due giorni dedicata alla divulgazione scientifica che proporrà conferenze, laboratori scientifici e di scrittura, giochi, visite interattive ai musei cittadini e molto altro in giro per la città. 

L’iniziativa, promossa dall’Istituto “A. Monti” e dall’Associazione “Amonti” e patrocinata dal Comune di Asti, nasce con l’intento di avvicinare la cittadinanza al variegato mondo della scienza, dalla fisica alla medicina, dall’esplorazione spaziale alle forme ed agli impieghi dell’Intelligenza Artificiale, ma sempre con un taglio vivace, coinvolgente e divulgativo, che permetta di soddisfare la curiosità di quanti, pur non essendo addetti ai lavori, intendono però accostarsi ai diversi campi del sapere scientifico. Il programma della manifestazione è infatti estremamente denso e prevede attività rivolte a tutte le fasce di età, spaziando tra conferenze, laboratori di divulgazione scientifica realizzati dalle studentesse e dagli studenti dell’istituto, giochi di ruolo e laboratori di scrittura, visite ad alcuni musei cittadini – Magmax e Museo Paleontologico – presentazioni di libri e persino un momento dedicato alla moda sostenibile. 

“Aperiscienza” sarà inoltre anche l’occasione per conoscere l’ultimo nato tra gli spazi didattici dell’Istituto “Monti”: il Laboratorio green, un laboratorio scientifico interamente alimentato da pannelli solari installati nel cortile dell’istituto, realizzato grazie ai fondi del PNRR e fruibile da docenti e studenti nella didattica quotidiana. 

Oltre al “Monti”, che, nel pomeriggio di venerdì 24, offrirà anche un intrattenimento musicale a cura degli studenti e dei docenti del Liceo omonimo, la manifestazione coinvolge anche l’Istituto “Penna”, la Biblioteca Astense, il Museo Paleontologico, il Magmax e Fuoriluogo: per conoscere nei dettagli il programma e gli orari degli eventi, è sufficiente scansionare il QR code riportato sulla locandina.

L’Istituto “Monti” ringrazia le professoresse Paola Lombardi e Simona Russo per il coordinamento dell’iniziativa e tutti i docenti, studenti ed ex studenti che, a vario titolo, hanno contribuito alla realizzazione della stessa.

Al Classico continua Itinera

Ultimo appuntamento con Itinera Viaggi nella conoscenza, appuntamenti organizzati dall' IIS Vittorio Alfieri  e dalla rete DigitalBiblioAgorà, di cui l'Istituto è capofila. 

Lunedì 27 maggio 2024  presso la Biblioteca del Liceo Classico Vittorio Alfieri (Corso Alfieri 367 - Asti) si terrà la lezione di Carlo Greppi, autore del volume Un uomo di poche parole. Storia di Lorenzo, che salvò Primo (Laterza 2023, nell'ambito degli incontri  destinati ad approfondire la conoscenza di Primo Levi, testimone essenziale della storia del '900 e della Shoah. Con Carlo Greppi si esplorerà il mondo della solidarietà nel lager a partire dalla esemplare  storia di Lorenzo Perrone, "biografia di una pietra di scarto, di una di quelle persone che vivono senza lasciare traccia e ricordo di sé. Ma che, a ben guardare, sono la vera testata d'angolo dell'umanità".

 L'incontro - previsto dalle 15 alle 17 - è ad ingresso libero ed è aperto a docenti, studenti e cittadinanza. 

Dialogo e nuove sinergie tra l'istituto "Penna" e il mondo delle imprese astigiane

Quello di venerdì è stato un pomeriggio ricco di spunti e proposte di collaborazione tra l’Istituto Agrario ed Enogastronomico “G. Penna” e il mondo delle aziende agrarie, agrotecniche, agroalimentari, enomeccaniche, dell’ospitalità alberghiera, consorzi turistici e food&beverage. 

Diversi i temi trattati:

  • costruire forti e durature relazioni, partendo dalla conoscenza reciproca ovvero facendo comprendere alla scuola il mondo dell’impresa, non solo nei numeri e nell’impatto che ha nello sviluppo economico territoriale, ma nei valori che esprime e viceversa, facendo conoscere alle imprese del territorio l’istituto scolastico rispetto ai diversi indirizzi, alle attività e alle specificità presenti nel sistema educativo provinciale
  • favorire la comprensione e la consapevolezza delle competenze richieste ai giovani dal mondo del lavoro
  • mettere in relazione studenti, insegnanti, famiglie e aziende per favorire le scelte dei percorsi formativi e lavorativi dei giovani.

Questa sinergia rappresenta una sfida culturale, che si rinnova e si amplia, per entrambi i due mondi:

  • per la scuola che è chiamata a promuovere competenze funzionali al mondo del lavoro e a rinnovarsi sul piano metodologico, privilegiando l’interdisciplinarietà, la didattica laboratoriale, il problem solving, il lavoro per progetti e l’autoimprenditorialità
  • per l’impresa che è chiamata a diventare “formativa”, ovvero in grado di trasmettere ai giovani le capacità e i compiti richiesti dal mondo del lavoro e dall’impresa.

In altri termini si propone di coinvolgere in modo concreto e mirato gli studenti, costruendo e affidando loro compiti di realtà, definiti in un progetto in partnership tra scuola e impresa, dove possono mettere in campo la propria iniziativa, creatività e autopromozione con le proprie potenzialità, competenze e risorse personali.

“Ci troviamo nell’Aula dedicata al nostro primo preside, Giacinto Occhionero, che dal 1964 guidò l’Istituto con passione e determinazione, offrendo alla città un’istruzione scolastica nuova e attenta alle richieste del territorio. Nell’ottica di dare continuità a questo cammino, siamo molto fiduciosi di poter creare delle collaborazioni fruttifere – ha affermato Giorgio Marino, dirigente scolastico dell’Istituto Penna – E’ questa una formula vincente a vantaggio di tutti; la collaborazione tra scuola e impresa non è solo un gesto di responsabilità sociale, ma anche una formula concreta che può portare a miglioramenti su entrambi i fronti. Non solo rapporti con le aziende del settore agrario ed enogastronomico, ma anche con gli enti locali, tutti insieme impegnati in una revisione del modo di concepire la filiera del cibo e la gestione dell'ambiente: energia nutrizione sostenibilità agricoltura rigenerativa. Per intraprendere con successo questo cammino, è imperativo implementare strategie pratiche. Programmi di orientamento professionale mirati, potenziamento delle competenze digitali e tecnologiche e percorsi di formazione flessibili, sono solo alcune delle soluzioni possibili. La collaborazione tra il mondo imprenditoriale e quello educativo può tradursi in iniziative tangibilmente utili, come stage aziendali, corsi congiunti e mentoring, tutoring e scoperta di nuovi talenti”.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla concreta collaborazione delle associazioni di categoria Asti Agricoltura, Atima, Cia e Coldiretti.

Per gli allievi del Civico Istituto di Musica “Giuseppe Verdi” si avvicina l'appuntamento con il saggio di fine anno 

Come ogni anno, il 25 maggio al Civico Istituto di Musica “Giuseppe Verdi” di Via Natta arriverà l’ora dei saggi, il momento tanto atteso – e temuto! – in cui gli allievi e le allieve della scuola di musica più antica del Piemonte tuttora in attività si esibiranno di fronte ai loro parenti e amici per far loro ascoltare quanto hanno imparato in un anno di serio lavoro con i loro insegnanti.

Anche nel 2024 le venerande mura di Palazzo Verasis-Asinari ospiteranno un’esplosione di gioventù alle prese con le pagine di autori noti e meno noti e per qualcuno sarà l’occasione di mettere per la prima volta piede in uno dei molti edifici storici tuttora in attesa di essere riscoperti di Asti, la cui valorizzazione è iniziata tre anni fa con i primi concerti della stagione Regie Sinfonie organizzata dai Musici di Santa Pelagia, la stessa associazione che gestisce il “Verdi” dal 2017. 

Il programma è come sempre molto ricco e si aprirà sabato 25 maggio alle 10 fino alle ore 12.30 con il saggio della classe di pianoforte di Orietta Lanero e di Simonetta Steffenino docente che ha accompagnato Lorenzo Caldera alla recente affermazione alla XXVIII edizione del prestigioso International Music Competition Premio Vittoria Caffa Righetti organizzata dal comune di Cortemilia. Alle 15.30 sarà poi la volta della classe di batteria di Cristian Longhitano. Il programma proseguirà a ritmo serrato la settimana successiva, facendo risuonare gli ambienti del “Verdi” di un uragano di applausi, sorrisi di orgoglio e tenerezza e qualche “furtiva lagrima” di più che giustificata commozione. 

Lunedì 27 maggio saranno di scena alle 17 gli allievi di canto moderno e chitarra di Aura Nebiolo e Alberto Gandin, mentre il giorno dopo alle 18 sarà la volta della classe di chitarra di Stefano Goia. Particolarmente ricco il programma di giovedì 30 maggio, che si aprirà alle 16.30 con i giovani violinisti di Massimo Barbierato e proseguirà mezz’ora dopo con l’esibizione delle classi di violino e di pianoforte di Luisa Avidano e Giovanni Scotta, alle 18.30 con gli allievi di canto lirico di Maria Claudia Bergantin, che saranno accompagnati sempre al pianoforte da Giovanni Scotta. 

Venerdì 31 maggio alle 16.30 saranno protagonisti gli allievi di pianoforte di Giuseppe Costanzo, il cui saggio sarà seguito alle 18.30 dal recital di Saori Hayi, giovanissima pianista giapponese, che presenterà un recital imperniato sui maggiori capolavori di tre degli esponenti più emblematici del Romanticismo europeo, ossia Fryderyk Chopin, Franz Liszt e Robert Schumann (ingresso euro 5). 

Sabato 1° giugno si terranno alle 11 il saggio della classe di violoncello di Leonard Plumbini e alle 17 quello dei piccoli di Musicagioco di Stefania Morando, quest’ultimo da sempre uno dei momenti attesi con più tenerezza dei saggi del “Verdi”. Da notare che tra un saggio e l’altro di sabato, lunedì e giovedì sarà possibile ascoltare Roberta Pia (canto), Violante Toma (violino) e Ilaria Porcellana (pianoforte) in una bella versione di Sinceramente, il celebre brano presentato al Festival di Sanremo da Annalisa. 

Il programma della settimana successiva si aprirà lunedì 3 giugno alle 17.30 con le esibizioni degli allievi e delle allieve di arpa di Fernanda Saravalli e di chitarra di Carlo Fierens e proseguirà mercoledì 5 giugno sempre alle 17 con la classe di mandolino di Amelia Saracco, per chiudersi domenica 9 giugno nel nome di Felice Reggio, che alle 17.30 presenterà il suo corso di tromba e un’ora dopo gli allievi del suo laboratorio di jazz band. 

Per avere ulteriori informazioni sul programma dei saggi, si può inviare una email all’indirizzo web dell’Istituto (segreteria.asti@musicidisantapelagia.com) o telefonare al numero 0141/1706904.

L'Artom a scuola di legalità con "Faccio dunque sono"

È terminato giovedì scorso, 16 maggio, il progetto che la Camera Penale Vittorio Chiusano, grazie al coordinamento del presidente Avv. Davide Gatti, ha iniziato con l’Istituto Artom il 27 marzo 2024. Si è trattato di un percorso rivolto agli studenti del triennio che ha affrontato tematiche strettamente legate alla cittadinanza  e, a seguire, al procedimento penale che è stato scandito da incontri settimanali pomeridiani.  Significativo il titolo Faccio dunque sono, attribuito al progetto dai due docenti referenti, la prof.ssa Chiara Cerrato e il prof. Stefano Biasiucci.

Gli studenti hanno conosciuto Avvocati, Magistrati, il Gabinetto di Polizia Scientifica di Torino e rappresentanti della Casa di Reclusione di Asti.

Gli avvocati intervenuti durante il progetto sono i seguenti: Alberto Avidano, Francesca Racconci, Luca Corbellini, Guido Cardello, Silvia Merlino, Roberto Caranzano. Gli studenti hanno potuto anche incontrate diversi magistrati, quali Elio Sparacino, Davide Greco, Stefano Cotti, Matteo Bertelli Motta, Federico Belli, Lorena Ghibaudo. Significativo anche il momento con il Questore di Asti, Marina Di Donato nell’incontro dedicato alla Polizia scientifica con la partecipazione del Commissario capo tecnico Caterina Panarello e il Commissario Andrea Giuliano.. Gli studenti hanno apprezzato molto anche l’intervento di alcuni educatori e referenti dell’area trattamentale del carcere di Quarto d’Asti e di alcuni volontari dell’associazione Effatà.

Il momento apicale e conclusivo di questo percorso ricco e arricchente si è svolto in Tribunale attraverso un’attività di processo simulato. Prima del termine delle lezioni studenti e studentesse assisteranno a un procedimento penale.

A Motta, in occasione del Senza Zaino Day, i genitori sono tornati alunni per un giorno!

Il 16 maggio, le scuole italiane aderenti alla rete Senza Zaino hanno celebrato la giornata dedicata a questa innovativa metodologia educativa, quest'anno incentrata sul rompere gli schemi nelle relazioni educative. Tema che alla Primaria di Motta di Costigliole d’Asti è stato declinato con i genitori diventare alunni per un giorno e i figli a fare da insegnanti.

In sostanza, con pieno coinvolgimento e divertimento di adulti e bambini, i ruoli si sono invertiti: come attestato dalle immagini che accompagnano questo articolo, i genitori, seduti ai banchi, hanno partecipato a lezioni di matematica, italiano, scienze, storia e inglese, tutte tenute dai loro figli, che hanno gestito in autonomia le 'lezioni'. A metà mattina, la proloco locale ha offerto una crostata a tutti i partecipanti, creando un momento di condivisione e rafforzando il senso di comunità. 

Successivamente, genitori e figli di tutte le classi che compongono la Primaria hanno sperimentato il “tinkering”, una metodologia che promuove la creatività utilizzando materiali di recupero. Insieme hanno costruito delle giostre che, prima di concludere la giornata, sono state assemblate nell’installazione artistica del “Luna Park”. 

Prima fase di un più ampio progetto che prevede - nell'ambito dei laboratori estivi o di quelli in programma nell'arco del prossimo anno scolastico - che le giostre vengano animate attraverso circuiti elettrici e programmazione elettronica. Progetti sono resi possibili dai fondi del Ministero dell’Istruzione, che investe in didattiche innovative per sviluppare creatività, problem solving e pensiero computazionale tra gli studenti.

Va infine ricordato che l’Istituto Comprensivo di Costigliole dispone di un’aula STEAM e di un atelier creativo, entrambi dotati di strumenti di robotica educativa e artigianato creativo. Spazi pensati per avvicinare gli studenti, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria, alle discipline scientifiche e artistiche attraverso un approccio laboratoriale.

Grande successo per le "Reginette degli scacchi"

Dal 12 al 15 maggio si è giocata a Montesilvano (Pescara) la finale nazionale dei campionati studenteschi di scacchi. Hanno partecipato alla spedizione astigiana ben 8 squadre di 5 scuole: le scuole primarie Ferraris e Savio, la scuola media Jona e le scuole superiori Monti (3 squadre) e Vercelli (2 squadre). Le squadre hanno affrontato le migliori scuole d’Italia in un torneo di 7 partite.

Il Circolo “Sempre Uniti” di Asti si è assunto l’onere di organizzare la trasferta in pullman, grazie alla ditta ASP (Asti Servizi Pubblici) che è riuscita a contenere i costi per venire incontro alle spese di famiglie e scuole.

Ottimi i risultati delle otto squadre in gioco con alcuni exploit eccezionali.

Sale sul trono più ambito lo squadrone dello scientifico nella categoria juniores: dopo il secondo posto dell’anno scorso, quest’anno si laurea campione d’Italia! Un risultato storico, è la prima volta che una scuola di Asti vince la medaglia d’oro! La squadra si presenta sulla carta una delle favorite, con un CM (candidato maestro) e 4 giocatori 1N (prima nazionale): Andrea Aimone (capitano), Andrea e Luca Zavattero, Davide Cristea e Davide Sangiovanni. Ottengono 6 vittorie e un pareggio, grazie a prestazioni eccezionali di tutti i giocatori, con una menzione particolare per lo schiacciasassi Davide Sangiovanni, che trascina la squadra con 6 vittorie su 6, vincendo l’ultimissima e decisiva partita, regalando così alla squadra il sogno della vittoria. 

Ottimo torneo per la squadra della Jona che sfiora il podio e arriva 4ª per spareggio tecnico, 3ª ex-aequo: Cristian De Gaspari, Federico Passalacqua, Diego Zanna, Matteo Vercelli, Alessandro Mortara. 

Bel risultato anche per la squadra allievi femminile del Monti, che conclude il torneo al 7° posto: Sofia Andreetta, Martina Riccio, Gaia Marconi e Veronica Andreetta. Prestazione superlativa per Martina Riccio, che con 7 vittorie su 7 vince il premio di miglior seconda scacchiera. Buon torneo per la squadra del Monti juniores femminile che raggiunge il 14° posto: Elisa Sillano, Serena Riccio, Lara Meneghin, Chiara Pafundi.

Bella prestazione per le “reginette” della Ferraris che si piazzano al 16° posto: Beatrice Cerrato (già campionessa regionale under 12), Gaia Mainero, Viola Pucci, Iris Marchetti, Maya Garcia, Nafissatou Mbaye. 

Buon esordio per la scuola Savio alla sua prima esperienza in questo torneo, che arriva al 26° posto: Noel Zdrukthi, Simone De Maria, Devan Llangu, Andrea Piglione, Joel Leka, Ismail Jaafari.

La squadra allievi maschile del Vercelli si piazza al 29° posto: Simone Musso, Luca Ruta, Alexio Mera, Daniele Di Sabato, Ernesto Likaj, Simone Sartor.

46° posto per la squadra juniores maschile del Monti: Alessandro Messina, Francesco Ceschini, Stefano Salasso, Gabriele Aceto.

Erano presenti gli istruttori Bouanani Denis e Venturino Federico per il supporto organizzativo e tecnico. Il Circolo di Asti è stato il 3° circolo di tutta Italia per numero di giocatori. Complimenti da parte del Circolo a tutti, giocatori e insegnanti che hanno accompagnato le squadre! Auguriamo anche ad altri di partecipare in futuro a questo torneo, che è in assoluto uno dei più divertenti e coinvolgenti per bambini e ragazzi. (Federico Venturino)

Le "Reginette" si sono ben comportate raggiungendo la 16° posizione (su 35 squadre), aggiudicandosi 4 delle 7 partite del torneo.

 Nei 4 giorni di competizioni si sono comportate molto sportivamente, hanno interagito positivamente con le altre squadre astigiane e di tutta Italia. L'intero soggiorno è stato coperto, sia per loro che per i "Cavalieri" della Jona dai seguenti sponsor (privati, attività commerciali e club  di servizio):  per prima l'organizzazione Genitorinsieme odv (che si è sobbarcata di tutta la parte amministrativa), il Soroptimist Club Asti, BNI Business Bites 250, Inner Wheel, Salus Benessere, Ancorame srl, D’  Ambrogio Valentina (Parrucchiera Valend con Pasticceria Daniella e Falegnameria Pucci), Progetto Sicurezza (Punto sicurezza srl), Mythos, Ruscalla Spa, ICCOM,  Rubinaccio Gabriele, Dualband, Speed Bike, De Gaspari Massimiliano, Iannuzzi  Roberto, Cerrato Paolo, Giannini Beppe (Albatros), Associazione Scacchi e Team Service Asti.

Un grazie di cuore a tutti e, con il "tesoretto" avanzato,  promuoveremo per il prossimo anno, Corsi nelle scuole dell'I.C. 1 Asti (Ferraris, Baracca e Jona) e, chissà, una nuova sfida scacchistica per il  Trofeo Scacchi Scuola '25; prima della fine dell'anno scolastico sarà organizzato un momento di ringraziamento

Bullo? No, grazie! Un progetto della San Domenico e il liceo artistico Alfieri

Le scuole “San Domenico Savio” e il liceo artistico “B. Alfieri” di Asti, guidati rispettivamente dalla docente Rosalba Cornero e dal docente Carlo La Perna anche quest'anno hanno condiviso una fruttuosa collaborazione -  il cui inizio risale allo  scorso anno scolastico -  grazie al progetto Bullo? No, grazie. Le due scuole hanno condiviso finalità comuni che possono essere riassunte nella  promozione del benessere a scuola; questo significa anche e soprattutto curare la qualità delle relazioni tra bambini e ragazzi in modo tale da prevenire rapporti di prevaricazione o di esclusione agiti da singoli o anche da gruppi. Entrambe le scuole appartengono alla Rete provinciale contro il bullismo,  di cui l'Istituto Alfieri, guidato dalla dirigente Stella Perrone, è scuola capofila.

 Attraverso il ricorso a modalità di lavoro di tipo collaborativo come il peer tutoring e il cooperative learning i ragazzi più grandi del liceo artistico hanno guidato e collaborato con gli alunni della scuola primaria; sono stati i loro tutor e, divisi in gruppi, hanno creato, partendo da materiale di scarto, opere d'arte intese a sensibilizzare e a capire come il fenomeno del bullismo è vissuto da bambini e dai ragazzi e come il bullismo sia una piaga da sconfiggere, indipendentemente dall’età, ma tutti insieme, urlando: No, grazie.

Il lavoro si concretizzerà  in una mostra , simbolo dell'unicità creativa dei ragazzi e in uno spettacolo teatrale Grease, che si terrà al Teatro Alfieri di Asti mercoledì 29 maggio 2024 alle 21.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium